La mostra si propone di indagare il passaggio di stile dell'artista

Palazzo Merulana presenta Giacomo Balla. Dal Futurismo astratto al Futurismo iconico, una mostra curata da Fabio Benzi e incentrata sul famoso dipinto Primo Carnera del 1933.

Un'opera eccezionale della produzione del Maestro futurista. Dipinta sui due lati, con da una parte Vaprofumo del 1926, un soggetto tipicamente futurista che fu esposto nel 1928 alla mostra personale che Balla tenne agli Amatori e Cultori di Roma e che rappresenta appieno il giocoso sistema sinestetico del futurismo balliano dell'epoca: le forme chiare, i colori tenui, metallici e dorati, intendono evocare l'impressione olfattiva che si sprigiona da un flacone di profumo; la curiosa sagoma "bucata" del quadro rappresenta con le due aperture in alto le narici che percepiscono l'odore.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma