Una mostra temporanea alla Keats-Shelley House

Questa mostra, curata da Giuseppe Albano e Dinah Roe, raccoglie un numero di volumi e manoscritti che dimostrano l'influenza dei codici miniati medievali sull'editoria ottocentesca e del primo Novecento.

Alcune delle opere esibite appartengono alla collezione della Keats-Shelley, altre sono invece state prese in prestito dalla National Library of Scotland, il Fitzwilliam Museum di Cambridge, l'American Academy di Roma e da collezioni private.


Parteciperai? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma