Pier Paolo Pasolini. Da spazio espositivo a spazio espressivo

Ricordare Pasolini a quarant’anni dalla morte attraverso i linguaggi dell’arte. Artisti che raccontano l’intellettuale, l’uomo e il cineasta Pasolini, rileggendo la sua immagine attraverso il ritratto, la pop art, il disegno e la fotografia.

PIER PAOLO PASOLINI _Da spazio espositivo a spazio espressivo

Raccontare Pasolini con una sola immagine è riduttivo, visto che il suo percorso è stato cosi vasto. Sei gli artisti che in questo esperimento lo rappresenteranno a loro modo. Sei lavori 60×80 per ricordare i quarant’ anni dalla sua morte. Insieme a lui sono scomparsi i luoghi di una vita, le case i paesaggi e in particolar modo i personaggi semplici della periferia romana.

La grande passeggiata di Pasolini

Mostra fotografica curata da Agostino Zamboni, incentrata sull’esperienza di Paolo Pilati – in arte Tarzanetto – insieme al Maestro Pasolini e sui quartieri Pigneto, Torpignattara, Mandrione e Marranella degli anni ‘50.

Opere di Claudio Andreoli, Paolo Bielli, Franco di Matteo, Giuseppe Palermo, Eros Renzetti e Mario Tosto

A cura di Agostino Zamboni e Paolo Pilati Tarzanetto

e opere di Mario Rosati


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma