Si possono ammirare le opere di Lorenzo Lotto nelle suggestive sale di Castel Sant'Angelo

Il Museo-Antico Tesoro di Loreto, ospitato negli ambienti del cinquecentesco Palazzo Apostolico di Loreto, adiacente alla Basilica della Santa Casa, prende vita a seguito dei periodici trasferimenti di opere ed oggetti d'arte che, a partire dalla metà dell'Ottocento, interessarono la Basilica e gli altri ambienti contigui, come la farmacia, e le sale del Palazzo Apostolico. Nel 1919 Luigi Serra pubblica il primo catalogo della Santa Casa di Loreto. Il museo viene inaugurato ufficialmente l'8 settembre 1951, ma solo molti anni dopo, il 15 giugno 1974, viene aperto in maniera continuativa al pubblico. L'8 settembre 1997 viene inaugurata la ristrutturazione del museo, in nuovi e più ampi locali.

L'attuale mostra “Lorenzo Lotto e i tesori artistici di Loreto” è organizzata in vista di un nuovo, più scientifico e razionale riallestimento delle collezioni museali del Museo-Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto e per proporre ad un pubblico più vasto, ed internazionale, che visita gli spazi del Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo, questo ricco e prezioso patrimonio di arte e di fede. Il percorso della mostra si snoderà con una scelta significativa dei dipinti di Lorenzo Lotto, segue l’iconografia lauretana, poi opere già collocate sugli altari ed altri ambienti della basilica e infine preziosi reperti del Tesoro della basilica, scampati alle razzie napoleoniche.

La mostra, in cui è insito un elevato valore culturale e spirituale, è l’esempio, inoltre, di un significativo percorso di collaborazione tra Istituzioni pubbliche e private. A questo proposito, infatti, si renderanno visibili, oltre al ricco e prezioso patrimonio di arte e di fede conservato presso il Museo-Antico Tesoro della Santa Casa di Loreto, anche alcune significative aggiunte provenienti da realtà museali pubbliche e private italiane. Inoltre, una delle opere della mostra, Lorenzo Lotto, Il Battesimo di Gesù, sarà esposta presso il Museo Nazionale di Palazzo Venezia durante il periodo dell’esposizione a Castel Sant’Angelo al fine di un ulteriore richiamo alla rassegna dei tesori lauretani.

Al fine di rendere ancor più significativa l’esposizione saranno presentate alcune opere, provenienti da collezioni pubbliche e private romane, strettamente collegate con la basilica lauretana e con gli artisti che in essa hanno operato.

Oltre al nucleo ampio e prestigioso costituito dalle opere di Lorenzo Lotto, sarà possibile ammirare nel percorso espositivo opere del Pomarancio, di Guido Reni, Annibale Carracci, Andrea Sacchi, Filippo Bellini, Simon Vouet e molti altri. Ad impreziosire la rassegna si aggiungeranno reperti del Tesoro della Santa Casa, ad iniziare dal magnifico Crocifisso, opera di Giambologna, e una selezione di ceramiche artistiche urbinate cinquecentesche, di cui il Museo-Antico Tesoro di Loreto possiede una vasta e ricca raccolta.

Il percorso espositivo si estende attraverso il seguente circuito scientifico: la prima Sezione ospita una raccolta significativa di dipinti di Lorenzo Lotto, realizzati dal pittore veneziano espressamente per la basilica lauretana. Il Lotto concluse la sua vita proprio a Loreto, come “oblato” della Santa Casa. Accanto alle opere realizzate a Loreto, sono esposti, sempre del Lotto, dipinti presenti in collezioni romane, come il celebre “San Girolamo” del Museo di Castel sant’Angelo, da lui realizzato durante la permanenza in Vaticano per la decorazione dell’appartamento di papa Giulio II Della Rovere, e l’altro esemplare di “Cristo e l’Adultera” della Galleria Spada.

La seconda Sezione raccoglie opere collocate a suo tempo sugli altari e altri ambienti della basilica, successivamente sostituite da opere musive - come nella patriarcale basilica vaticana - e ora conservate nel Museo-Antico Tesoro di Loreto. Fra queste spiccano capolavori di Perin del Vaga, Filippo Bellini, Pomarancio, Guido Reni, Simon Vouet.

La terza Sezione della mostra è dedicata all’iconografia lauretana e presenta, fra gli altri, opere di Annibale Carracci, Andrea Sacchi e Mariano Fortuny, oltre ad un nucleo di opere di artisti contemporanei come Alberto Sughi, Floriano Bodini ed Enrico Manfrini, che hanno saputo interpretare nel tempo il mistico volo della Santa Casa da Nazareth a Loreto.

La quarta e ultima Sezione è composta dai preziosi reperti del Tesoro della basilica scampati alle razzie napoleoniche e ad un grave furto in epoca recente. A questi si unisce una selezione significativa di ceramiche artistiche urbinate e vasi da farmacia provenienti dalle botteghe cinquecentesche dei Fontana e dei Patanazzi, così come di Castelli, con alcuni “alberelli” di Antonio Grue e di faentine.

L’esposizione, tutta, offre il profilo, significativo, della ricchezza del patrimonio storico e artistico lauretano.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma