In mostra le opere realizzate da Alexandru Tipoia in Italia

Venerdì, 5 ottobre 2018, ore 18:00, presso la Galleria d'Arte dell'Accademia di Romania in Roma (Viale delle Belle Arti 110), per commemorare25 anni dalla scomparsa del pittore romeno Alexandru Tipoia (1914 – 1993), avrà luogo l'inaugurazione della mostra "Omaggio: siamo di nuovo insieme. Alexandru ?ipoia (1914-1993)".

La mostra realizzata con l'appoggio dell'Istituto Culturale Romeno di Bucarest potrà essere visitata presso la Galleria d'Arte dell'Accademia di Romania in Roma (Viale delle Belle Arti 110 – Roma) da martedì a domenica, nell'intervallo orario 9:00 – 15:00, ad ingresso libero, fino al 26 ottobre 2018.

La mostra "Omaggio: siamo di nuovo insieme. Alexandru ?ipoia (1914-1993)"presenta al pubblico capolavori del pittore romeno Alexandru ?ipoia realizzati in Italia nel periodo 1946 – 1947 (30 dipinti, 40 lavori di grafica e 1 arazzo), opere compiute dall'artista in seguito al soggiorno in Italia (come ricordo ed "eco" del tempo passato nella Penisola), e lavori firmati da suo figlio, George Tzipoia(10 dipinti, 10 opere di grafica e 6 oggetti), come omaggio all'arte del padre a 25 anni dalla sua dipartita.

Saranno presenti all'inaugurazione della mostra, insieme ai rappresentanti dell'Accademia di Romania in Roma: George Tzipoia, pittore, figlio del maestro Alexandru ?ipoiae S.E. Bogdan T?taru-Cazaban, filosofo e storico delle religioni, già ambasciatore della Romania presso la Santa Sede nel periodo 2010-2016.

Formatosi nel primo dopoguerra presso l'Accademia di Belle Arti di Bucarest, Alexandru ?ipoia ha avuto come docenti e maestri i grandi artisti e pittori Nicolae D?r?scu, Constantin Artachino, Camil Ressu e l'incisore Gabriel Popescu.Per le sue qualità artistiche e per gli esiti già raggiunti nella pittura, tra 1946 e 1947, ad Alexandru ?ipoia è stata offerta l'opportunità di perfezionare la sua arte presso l'Accademia di Romania in Roma. Durante la permanenza romana ha realizzato una serie di capolavori per l'arte e la spiritualità romena. Il periodo particolarmente fertile trascorso in Italia, a Roma, Assisi, Firenze, Venezia, ecc., l'influenza dell'arte italiana e della sua raffinatezza hanno avuto un'importanza determinante per il giovane artista, con ripercussioni sull'evoluzione dell'intera sua opera.


Parteciperai? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma