In mostra, da SABATO 17 DICEMBRE 2022, ore 10.30 fino a 17 febbraio 2023,
OPEN BOX3 – VITRUVIO DOCET,
nei giardini di Sant'Alessio e di piazza Albina, a ingresso libero, le installazioni di Aurora Avvantaggiato con Raffaelle Vitto, Jasmine Pignatelli, Massimo Ruiu e Mara van Wees, testo di Daniela Gallavotti Cavallero
Con OPENBOX3 – VITRUVIO DOCET, si giunge alla terza edizione di un progetto espositivo ideato da AdA (Associazione Amici dell'Aventino ETS) e promosso con il patrocinio attivo del Municipio Roma I Centro, che persegue le finalità statutarie di AdA di custodia e valorizzazione dei luoghi del colle. Un progetto pilota incentrato sul dialogo tra la scultura contemporanea e i giardini dell'Aventino, che vuole dare la possibilità agli artisti di esporre le proprie opere in un contesto paesaggistico e storico unico.
L'evento di quest'anno porta l'attenzione sulla figura di Marco Vitruvio Pollione, architetto nella seconda metà del I secolo a.C., che definisce l'architettura come il risultato della composizione di tre principi: la firmitas (la solidità costruttiva), la utilitas (la destinazione d'uso) e la venustas (la bellezza). Inoltre chiede all'architetto di essere esperto di matematica e di geometria, ma anche di astronomia e di teologia, di legge e di acustica, di ottica e di medicina, di meteorologia e di anatomia, in quanto tutti gli edifici sono costruiti per la vita dell'uomo.    

                           
Le opere in mostra, dal testo di Daniela Gallavotti Cavallero:
"… In continuità con le premesse architettoniche, e la nostalgia per le forme del passato si pongono le opere che partecipano alla mostra OpenBox3. In modo paradigmatico lo fa Imperfectum (2020), di Aurora Avvantaggiato e Raffaele Vitto, proponendo il basamento e il primo rocchio di una colonna marmorea scanalata, su cui si innesta il cilindro in laterizio di una ciminiera, dalla quale svettano i ferri di un pilastro in cemento armato. L'opera è un'esortazione a riappropriarsi di una cultura antica e perfetta, ma è anche la constatazione di una pratica lunga secoli, di ricorrente innesto del moderno sulle fondamenta del passato. In modo analogo, con Con-Senso (2021), i due artisti portano l'attenzione sull'armonia delle costruzioni antiche nella natura, violata dall'abusivismo contemporaneo.
Anche Massimo Ruiu affronta il tema della verticalità nel Terzo Volo (2022), confrontandosi con l'iconografia cristiana, mentre in Dal profondo (2022) le tre reti appese poco sopra lo sguardo dello spettatore mostrano un'altra forma di recupero dal passato: frammenti marmorei su cui l'artista ha disegnato forme di animali marini, come fossero tracce fossili. La pietra miliare segnata Km 0 Aureo (2022) rimanda al luogo da cui partivano tutte le strade consolari di Roma, il tempio di Saturno al Foro. La profonda cesura che l'ha divisa in due segna la sua condizione di rovina.
L'intervento di Jasmine Pignatelli, No man is an island (2018/2022), si compone di due parti: A broken line (2018/2022) e Boundless (2022). In entrambi i casi la linea è l'elemento fondante: quella lunga 40.075 km che misura la circonferenza della terra; e quella, sempre retta, tracciata su diciassette blocchetti di tufo, scomposta spezzandola in frammenti, ricomposti, insieme a tre moduli neri, a formare un rettangolo. Superfici e linee che, al di là del complesso significato voluto dall'artista, sono anche gli elementi costitutivi alla base del linguaggio architettonico.
Linguaggio che è ben presente anche in L'uni(ci)tà perduta (2018/2022) di Mara van Wees, in cui ampie superfici piane si incontrano a formare un parallelepipedo ad angoli retti, che rivela scomponendosi frammenti irregolari e complessi. In Battito d'ali (work in progress dal 2020) il metallo si buca in moduli circolari, che alludono ai disegni sulle ali delle farfalle e rendono il materiale permeabile all'atmosfera, coniugando natura, materia e forma".

La Fondazione Sorgente Group, guidata da Valter e Paola Mainetti, sponsor del progetto, da anni sostiene iniziative volte alla riqualificazione degli spazi verdi dell'Aventino, con un particolare interesse per il Giardino degli Aranci. "Il progetto culturale OPENBOX3 – sostiene Valter Mainetti – è un'iniziativa molto interessante, che permette di valorizzare artisti d'arte contemporanea, consentendo loro di esporre le loro creazioni in aree verdi della Città, coniugando Arte e Verde pubblico nello scenario unico dei giardini del colle Aventino"

Promosso da: Associazione Amici dell'Aventino ETS, con il patrocinio attivo del Municipio Roma I Centro.
Un progetto di: AdA-Cultura, Daniela Gallavotti Cavallero / Alessandro Olivieri / Mara van Wees.
Opere di: Aurora Avvantaggiato, Raffaelle Vitto, Jasmine Pignatelli, Massimo Saverio Ruiu, Mara van Wees
Testo di Daniela Gallavotti Cavallero.
Dove: Il giardino di Sant'Alessio, ore 9 / tramonto. Il giardino di piazza Albina Albina aperto 24/7. Ingresso libero.
Sponsor: La Fondazione Sorgente Group
Vin d'honneur: Casale del Giglio.
Quando: dal 17 dicembre 2022 al 17 febbraio 2023.    Info: info@aventino.org

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Mostre