La mostra è stata prorogata

Il MLAC - Museo Laboratorio di Arte Contemporanea annuncia che la mostra SEGNI. Fotografie, disegni e sculture di Luigi Di Sarro, curata da Carlotta Sylos Calò, sarà prorogata fino al 14 novembre 2018.


Nell'ambito del circuito di eventi in Italia e all'estero che celebrano i 40 anni dalla morte di Luigi Di Sarro arriva a Roma la mostra SEGNI organizzata dal MLAC con il Centro Di Sarro, aderendo alla Giornata del contemporaneo promossa da AMACI.
L'esposizione studiata appositamente per il MLAC, curata da Carlotta Sylos Calo?, offre uno spaccato della produzione di Luigi Di Sarro tra gli anni Sessanta e Settanta evidenziando la trasversalita? e multidisciplinarita? del suo approccio a tecniche e materiali e, parallelamente, la sua caratteristica concezione del "segno" quale elemento generativo di forme e spazi, senza una reale cesura tra astrazione e figurazione, evidente sia nel lavoro grafico e pittorico, sia in fotografia e scultura.
Luigi Di Sarro (1941-1979) ha praticato il disegno, la pittura, l'incisione, la scultura, la fotografia e la performance interessandosi in particolare a temi legati al corpo, al movimento, alla luce e alla capacita? astrattiva del segno e delle figure geometriche. Morto a soli trentasette anni, ucciso per un fatale equivoco nel clima teso degli anni di piombo a Roma, il 24 febbraio 1979, ha lasciato una vasta produzione artistica (dipinti, disegni, fotografie, sculture, grafica, progetti, appunti, aforismi). Opere di Luigi Di Sarro sono presenti in diverse collezioni pubbliche italiane e straniere (tra cui GNAM, MACRO, Palazzo Braschi e Istituto nazionale per la grafica a Roma, Centre Pompidou a Parigi).


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma