Opere di Pietro Gentili dal 1970 al 2000

Prima esposizione personale nella Capitale dopo la scomparsa dell'artista, con l'intento di farne conoscere l'universo artistico attraverso 50 opere tra quadri, sculture, gioielli, moduli tridimensionali realizzate utilizzando tempera, foglia d'oro e d'argento, sabbia, polvere di specchio, plexiglass, legno.

 Presentazione stampa venerdì 16 febbraio.

Tra scudi di angeli, cieli stellati, porte aperte su di uno spazio "altro", giochi di superfici riflettenti, filo conduttore dell'esposizione è la luce come soglia verso un'altra dimensione. Come scrive Claudio Cerritelli l'immagine della "porta" si pone come luogo del mistero conoscitivo dell'arte, soglia dove si avverte il desiderio e la ricerca della luce spirituale, percepita nella vastità senza fine del tempo.

Il percorso creativo di Pietro Gentili ha un carattere talmente singolare da escludere ogni possibile appartenenza al gioco delle tendenze artistiche contemporanee a causa della sua visione trascendente di spazio e tempo, per la sua autonoma ricerca di valori esistenziali che presuppongono una dimensione cosmica. Il mondo di astrazione del suo lavoro ha, tuttavia, attinenze dirette con tutto un filone di arte contemporanea di carattere mistico-simbolico-spiritualistico che si rifà al mondo orientale, alla religione e alla filosofia Zen.

Secondo Pietro Gentili ogni artista dovrebbe, con generosità, donare al mondo la bellezza del proprio cuore e non i suoi disagi, la poesia struggente della propria anima e non le sue pene.

 Fondamentale, per lui, la ricerca della bellezza e l'arte come ricerca, come armonia spirituale, come mezzo per raggiungerla. Per Gentili l'immagine della bellezza che trapassa l'anima è legata alla luce, all'aspetto immateriale della creazione, all'immediatezza dell'eterno presente.


Parteciperai? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma