In mostra i tesori recuperati dall'Arma dei Carabinieri

Il Museo Storico Dell'Arma dei Carabinieri accoglie ancora una volta una grande mostra incentrata sul recupero di capolavori che scavi clandestini e furti vari avevano sottratto alla comunità scientifica e all'ammirazione del pubblico.

Il Museo Storico venne istituito nel 1925 e l'edificio che lo ospita, costruito verso la fine dell'Ottocento, è un piccolo, ma armonioso palazzo che conserva tuttora le volumetrie e le linee esterne originali, con la sola variante di elementi decorativi inseriti sul perimetro a cura del Genio Militare su progetto dell'Architetto Scipione Tadolini.

Fu inaugurato alla presenza del re Vittorio Emanuele III, il 6 giugno 1937. Nelle 23 sale espositive, il Museo Storico conserva cimeli (tra i quali le Regie Patenti istitutive e la prima Bandiera di Guerra del Corpo), uniformi, armi, documenti, altro materiale di notevole valore relativo alla storia dell'Arma dalla sua fondazione, nonché opere dedicate ai Carabinieri da artisti dell'Ottocento e Novecento.

Il percorso, cronologico e tematico, è accompagnato e valorizzato da audioguide multilingue e da moderni dispositivi multimediali. Nel Museo sono inoltre presenti un Sacrario dedicato ai Caduti e un Salone d'Onore, nel quale sono collocate le sculture in gesso tratte dai calchi originali di quelle in bronzo che ornano, a Torino, il Monumento Nazionale al Carabiniere, realizzato nel 1933 dal noto scultore Edoardo Rubino, ed eretto nel giardino del Palazzo Reale.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma