L'impegno dei ragazzi che hanno ascoltato le testomonianze dei superstiti dei campi di concentramento

A seguito di un viaggio della memoria ad Auschwitz, centro del devastante Olocausto che ha scosso il Novecento, un gruppo di studenti e di studentesse di alcuni licei romani ha iniziato a immaginare un modo diverso di ricordare quei terribili avvenimenti.

Dall'incontro di questi ragazzi e di queste ragazze con Studio Azzurro – il noto collettivo di artisti italiani attivo dai primi anni ottanta – è nata "Testimoni dei Testimoni. Ricordare e raccontare Auschwitz", una mostra da vivere come una esperienza che inviti a compiere un percorso fisico e mentale per mantenere accesa la memoria della storia.

Gli artisti di Studio Azzurro ci guidano in questa esperienza imbastendo - nel solco della poetica che distingue internazionalmente il loro lavoro - una narrazione destinata alla fruizione collettiva e scandita da una serie di tappe alcune delle quali richiedono la partecipazione attiva dello spettatore. Si sono offerti di lavorare su un'idea elaborata da altri, condividendone la necessità e l'urgenza.

Iniziativa promossa da Roma Capitale Assessorato alla crescita culturale, Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale, Azienda Speciale Palaexpo. In collaborazione con Comunità Ebraica, Assessorato alla Cultura e Archivio Storico e Assessorato alle Scuole. Organizzata e prodotta da Azienda Speciale Palaexpo.

Realizzata con la collaborazione scientifica di Archivio Storico "Giancarlo Spizzichino" della Comunità Ebraica di Roma CDEC – Fondazione Centro di Documentazione ebraica contemporanea.

Appartiene ad un evento principale:


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma