Dieci anni di Cinema Italiano

Dopo la meraviglia per gli occhi di Cine70 e Cine60, prosegue il viaggio nei decenni del cinema italiano con i capolavori degli anni '50. Ci piace camminare all'indietro, come i gamberi, perché serve a scavare le nostre radici in prospettiva. Peraltro la desolazione attuale si avvicina non poco all'immagine della distruzione postbellica: ora come allora bisogna ricostruire. E se a guidarci sono i più grandi maestri della storia del cinema, l'esperienza si fa illuminante: Fellini, Antonioni, Visconti, Rossellini, De Sica, Germi definiscono allora il loro talento espressivo e sconvolgono il linguaggio cinematografico mondiale. Inglobando e sorpassando la rivoluzione neorealista, il loro genio apre lo schermo alla realtà soggettiva, definendo crisi individuali e contraddizioni di una società in rapida evoluzione.

Un capolavoro dopo l'altro, il cinema del decennio raggiunge la svolta della modernità. Allo stesso tempo si afferma negli italiani, dopo la miseria postbellica, una nuova fiducia in se stessi e la voglia di divertirsi. Nasce la grande stagione della commedia all'italiana ad opera di autori geniali come Monicelli, Steno, Risi e Comencini, spalleggiati da colossi come Totò e Alberto Sordi, trasformati in prototipi dell'identità collettiva. A questo cinema irresistibile abbiamo riservato una fascia speciale, la domenica pomeriggio. Come si usava una volta, le poltrone del Palazzo delle Esposizioni diventano quelle del salotto di casa, dove ridere tutti insieme.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma