Circa 100 concerti live e tante novità ad ingresso gratuito

Un'estate romana all'insegna della "buona" musica, cultura ed eleganza con la terza edizione del Village Celimontana, rassegna che avrà luogo dal 1° giugno fino all'8 settembre 2018. 

Torna anche quest'anno uno degli appuntamenti più attesi dell'estate che proporrà più di 100 concerti live; un festival che vedrà alternarsi sul palcoscenico i grandi musicisti jazz, formazioni swing e manouche, offrendo spettacoli di tango e alcune delle più interessanti big band italiane.

I CONCERTI DAL 1 al 10 GIUGNO 2018

L'iniziativa è parte del programma dell'Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE

Partner Ufficiale della Rassegna Radio Montecarlo

VENERDI' 1 GIUGNO 2018

Swing Band

EMANUELE URSO "THE KING OF SWING" BIG BAND

Emanuele Urso è un musicista dotato di eccellenti qualità tecniche e musicali sia come batterista che come clarinettista, nonché grande direttore d'orchestra e arrangiatore. La sua concezione della musica è totalmente rivolta al Jazz della Swing Era (Stati Uniti 1935-45) musica della quale Emanuele è sicuramente oggi il maggior cultore e rappresentante a livello europeo. L'instancabile impegno, la ricerca della perfezione e la grande professionalità sono qualità che gli hanno permesso di conquistare il titolo oggi universalmente riconosciuto di "Re dello Swing". A Roma la sua big band si esibisce con grande frequenza e si distingue per uno Swing trascinante, coinvolgente, straripante: un fiume di emozioni musicali. Eseguono gli arrangiamenti originali della Fletcher Henderson Orchestra come al Cotton Club di New York negli anni '30.

Line-up

Emanuele Urso, Clarinetto/Batteria

Giuseppe De Simoni, Tromba

Daniele Martinelli, Tromba

Nicola Fumarola, Trombone

Alessandro Fumarola, Tromba

Nicola Fumarola, Trombone

Alessandro Cicchirillo, Trombone

Marco Pace, Sax Alto

Emiliano Mazzenga, Sax Contralto

Vittorio Cuculo, Sax

Stefano Di Grigoli, Sax

Lucia Cardone, Sax

Adriano Urso, Piano

Giuseppe Civiletti, Contrabbasso

Fabrizio Guarino, Chitarra

Francesco Bonofiglio, Batteria

Clara Simonoviez, Voce

SABATO 2 GIUGNO

Dixieland

LINO PATRUNO & HIS BLUE FOUR

Questa formazione, unica nel suo genere, è un omaggio di Lino Patruno alla musica del violinista Joe Venuti e del chitarrista Eddie Lang che per primi negli anni '20 inserirono nel jazz il violino e la chitarra e successivamente fecero parte delle orchestre di Jean Goldkette e di Paul Whiteman a fianco di Bix Beiderbecke, Frank Trumbauer, Tommy e Jimmy Dorsey, Adrian Rollini. Lino Patruno incontrò Joe Venuti negli anni '70 e con lui tenne concerti, partecipò a Festival Internazionali, incise dischi e prese parte ad alcuni show televisivi di grande successo. Lino Patruno per il centenario dalla nascita di Joe Venuti nel 2003, sulla scia dei Blue Four di Joe Venuti, costituì questo gruppo del quale fanno parte il violinista trapanese Mauro Carpi (l'erede europeo di Joe Venuti), il clarinettista e sassofonista Massimo D'Avola, Giancarlo Colangelo al sax basso e il vocalist inglese Clive Riche. Con i "Blue Four" Lino Patruno nel 2003 ha rappresentato l'Italia ai Festival Internazionali del jazz di Ascona e di Bruneck e da allora ha tenuto moltissimi concerti e Festival in tutta Italia (tra cui quello della Casa del Jazz di Roma) e preso parte a diverse trasmissioni televisive mietendo successi di critica e di pubblico dovunque. Nel 2005 il gruppo ha preso parte al film "Forever Blues" di Franco Nero proiettato con successo a New York, Washington e Los Angeles. Lino Patruno ne ha scritto la colonna sonora e per questo ha ricevuto la Nomination al David di Donatello, Il Golden Globe della Stampa Estera e il Premio Fregene per Fellini. Nel Maggio del 2011 e 2014 ha rappresentato l'Italia al Festival Internazionale del Jazz di New Orleans portando con se il violinista trapanese Mauro Carpi ottenendo un grandissimo successo.

Line-up

Lino Patruno, Chitarra

Clive Riche, Voce

Michael Supnick, Tromba

Mauro Carpi, Violino

Giorgio Rosciglione, Contrabbasso

DOMENICA 3 GIUGNO

Jazz

ACOUSTIC SWING TRIO

Da sempre simbolo per eccellenza della musica 'colta', il violino ha in realtà attraversato con la sua voce anche la storia del jazz dimostrando, grazie soprattutto all'indimenticabile arte di Joe Venuti e Stephane Grappelli, di possedere un'anima pienamente 'swing'. Proprio per rendere omaggio a questi due grandi musicisti e rileggerne il repertorio, il chitarrista romano Michele Ariodante ha dato vita nel 2002, insieme al violinista trapanese Mauro Carpi e al contrabbassista Giorgio Rosciglione, all'Acoustic Swing Trio, una formazione "solo corde" in cui equilibri sonori acustici e raffinati si fondono con l'energia e il dinamismo del miglior linguaggio jazzistico.

Ariodante e Carpi, entrambi diplomati in Conservatorio e da molti anni attivi nell'ambito jazzistico, sono stati scoperti, come duo, da Lino Patruno che li ha spesso ospitati nei suoi dischi. Hanno collaborato con maestri americani del jazz mainstream quali Spiegle Willcox, Evan Christopher ed Andy Stein e sono stati segnalati dalla critica estera come uno dei migliori set del Festival Internazionale di Ascona 2003. Nell'Acoustic Swing Trio è inoltre fondamentale la presenza di Giorgio Rosciglione, per oltre trent'anni contrabbassista dell'orchestra RAI nonché nome storico del jazz italiano. Nel repertorio del Trio trovano spazio naturalmente i grandi autori delle migliori 'songs' americane, da Gershwin a Porter ed Ellington ma anche 'chicche' come i celebri duetti violino – chitarra di Joe Venuti ed Eddie Lang che segnarono la nascita, nella seconda metà degli anni Venti, del  'chamber jazz' e che Ariodante e Carpi sono oggi gli unici in Europa a rileggere. L'Acoustic Swing Trio ha inciso per la Isma Records il  Cd 'Song for Stephane', uscito nel 2005.

Line-up

Mauro Carpi, Violino

Michele Ariodante, Voce-Chitarra

Giorgio Rosciglione, Contrabbasso

LUNEDI' 4 GIUGNO

Tango

CELIMONTANGO

Ogni lunedì Jazz Village ospita Celimontango, evento curato da "Dj il Principe e Dj Vargas" che trasformerà lo spazio della Villa in un'autentica Milonga. "Il segreto del tango sta in quell'istante di improvvisazione che si crea tra passo e passo. Rendere l'impossibile una cosa possibile: ballare il silenzio."

Djset a cura di Dj Vargas

Ingresso: 10 euro con consumazione.

Prenotazioni al n. 349-0709468

MARTEDI' 5 GIUGNO

Swing

SWING SWING SWING – STICKY BONES

Ogni martedì si balla al Village Celimontana con la serata a tema "SWING SWING SWING ! Spazio per i Lindy Hoppers e amanti del ballo Swing! Ogni settimana una lezione di ballo gratuita ad inizio serata per imparare i primi passi e ballare ritmo di Swing. Questa volta sarà il turno della scuola Swing & Soda.

A seguire il concerto degli Sticky Bones, band che si propone di portare il pubblico a ritroso nel tempo e di ridare quella dimensione low-fi al jazz, riportando l'orecchio del pubblico alle origini, spesso ignorate. Look, sound e repertorio fanno degli Sticky Bones una perfetta fotografia, rigorosamente in bianco e nero, di quanto si poteva vedere e sentire in quell'America di inizio secolo, scossa da quel terremoto che negli anni a venire si sarebbe chiamato Jazz.

L'evento è in collaborazione con Lalla Hop e dj Arpad, che si alterneranno durante la serata tra palco e consolle.

Selezioni musicali swing ore 20:00

Lezione di ballo gratuita per principianti ore 21:00

Concerto degli Sticky Bones ore 22:00

Djset Only Swing di Lalla Hop e Dj Arpad 23:00

Ingresso Free

Line-up Sticky Bones

Mama Ines, Voce

Emiliano Federici, Piano

Frank Marsigliese, Cornetta

Floriano Andolfo, Chitarra/Banjo

Maurizio Capuano, Contrabbasso

MERCOLEDI' 6 GIUGNO

Jazz

DANIELE CORDISCO HAMMOND TRIO feat. GREG HUTCHINSON

La collaborazione tra Cordisco e Caps dura ormai da diversi anni e vede alla batteria un susseguirsi di ospiti del panorama jazzistico italiano e internazionale. Hutchinson ha affiancato il suo nome ai grandi del jazz di ieri e di oggi, come: Dianne Reeves, Betty Carter e molti altri. Daniele Cordisco, vincitore del premio Massimo Urbani 2013, collabora stabilmente con Renzo Arbore e i suoi Swing Maniacs e ha condiviso il palcoscenico con alcuni tra i nomi più prestigiosi del jazz italiano, tra cui: Fabrizio Bosso, Danilo Rea, Stefano Di Battista e tanti altri. Antonio Capasso si specializza all'organo hammond studiando con Joey De Francesco e Tony Monaco, affiancando a queste esperienze di studio anche quelle con artisti del calibro di Benny Golson, George Garzone, Francisco Mela, Jerry Bergonzi e tanti altri. Il repertorio della serata vedrà diverse composizioni originali di Cordisco e Caps e alcuni standard rivisitati per l'occasione.

Line-up

Daniele Cordisco, guitar

Antonio Caps, organ

Greg Hutchinson, Drums

GIOVEDI' 7 GIUGNO

Swing Big Band

GREAT BEAUTY SWING ORCHESTRA

Tributo A Frank Sinatra Ed Allo Swing Italiano

Glenn Miller, Frank Sinatra, Natalino Otto e Sergio Caputo, ovvero lo swing nelle sue flessibili e caleidoscopiche sfaccettature spazio temporali fra America e Italia, andata e ritorno. E' lo swing dei grandi crooner italo-americani ma anche quello dei Buscaglione e dei Nicola Arigliano; quello delle origini, dell'epoca d'oro delle grandi orchestre, come pure quello postmoderno in salsa italica di brani come "Sabato Italiano" e "Spaghetti a Detroit". Ulteriori ingredienti: lo swing evocato o appena citato di brani della tradizione italiana che gli arrangiamenti della band esplicitano senza remore; oppure quello innestato ex novo su composizioni stilisticamente lontane dai ritmi d'oltreoceano, rigenerate in un'insospettabile nuova identità "dondolante". Filo conduttore la voce originale e versatile del crooner/musicista romano Marco Ricciardi e una band solida composta da musicisti di valore e di riferimento nel panorama romano e nazionale.

Line-up

Marco Ricciardi, Voce

Marco Falsini, Sax Tenore

Sergio Vitale, Tromba

Mauro Scardini, Piano

Ezio Peccheneda, Chitarra

Stefano Napoli, Contrabbasso

Andrea Messina, Batteria

VENERDI' 8 GIUGNO

Swing

Opening - Just The Duo for Us

EMANUELE URSO "THE KING OF SWING" SEPTET

Emanuele Urso "The King of Swing" è il protagonista e il mattatore delle notti swing di Roma. Tra l'omaggio a Benny Goodman e Gene Krupa, Emanuele Urso è un fantastico batterista, un raffinato clarinettista e un direttore d'orchestra eccellente, in grado di ricreare perfettamente, in uno sforzo filologico non comune, le atmosfere della swing era e delle dance hall degli anni 40. Gli arrangiamenti originali di Benny Goodman, Glenn Miller e Fletcher Henderson sono studiati, e ristudiati e poi riproposti in un concerto dal vivo che prima di essere un vero e proprio show sembra aprire una porta spazio-temporale per rituffarci direttamente nel periodo forse più brillante ed entusiasmante del '900.

Opening Act: ore 19:00

Inizio concerto ore 22:00

Line up

Emanuele Urso, Clarinetto/Batteria

Francesco Bonofiglio, Batteria

Giuseppe De Simoni, Tromba

Adriano Urso, Piano

Giuseppe Civiletti, Contrabbasso

Patrizio Destriere, Sax

Fabrizio Guarino, Chitarra

SABATO 9 LUGLIO

Pop Italiano

Opening - Just The Duo for Us

MAX MAGLIONE – NON C'E' PIU' RELIGIONE

Evento dedicato all'Associazione Peter Pan Onlus

Massimo Maglione detto Max, nasce a Napoli il 22 gennaio 1962. Consulente, imprenditore, studioso di scienza della comunicazione e formazione, Team builder, Psicologo Aziendale, vive a Roma dal 1968. Il suo motto è "Nella vita non basta essere qualcuno per qualcosa ma bisogna essere qualcosa per qualcuno". La sua passione è la musica: attraverso di essa esprime la sua natura vivace e fantasiosa e, con il suo senso d'arte infinito, dà una voce interpretativa all'anima cantando e suonando pianoforte e chitarra senza aver mai avuto metodo e studio. Grazie a questa sua capacità è in grado di affascinare le platee di tutti i suoi spettacoli, che finiscono sempre con un pubblico che canta e tanti applausi. Difatti sono ormai quattro anni che porta in scena, prima in altre location, e ora al Teatro Golden, spettacoli scritti e interpretati da lui, supportato da sua sorella Giulia, da suo figlio Mattia e da tanti personaggi teatrali, che riconoscono in lui un'anima artistica appassionata e coinvolgente. Tutti gli spettacoli di Max Maglione socio dell'associazione Peter Pan di Roma, sono a sostegno della missione stessa. La casa di Peter Pan assiste bambini malati di cancro per tutto il periodo delle loro cure insieme ai loro genitori. www.peterpanonlus.it Spettacoli dal 2012 al 2016 Si fa presto a dire anni '70: una simpatica carrellata di personaggi, situazioni e canzoni dei mitici anni '70. Si fa presto a dire anni '60, '70 e '80: a richiesta da un pubblico appassionato, la galleria temporale si allunga e commenta temi, oggetti e battute dai fantastici anni '60, passando per gli anni '70, fino agli famosi anni '80. Si fa presto a dire Amore: spettacolo dedicato ai sentimenti e all'amore, tra canzoni e storie d'amore, racconta le relazioni più importanti della nostra vita in un vai e vieni di emozioni ricordi e risate. Vado al Massimo: lo show descrive scene di vita tra padre e figlio a confronto. Questa volta sono l'era digitale del figlio Mattia e papà Max che invece nasce in anni dove addirittura il televisore era in Bianco e nero. Anche qui fatti e storie contemporanee, ponendole a confronto con il "come eravamo" attraverso dialoghi, musica, oggetti d'epoca, canzoni e l'inseparabile chitarra che coinvolge inevitabilmente tutto il pubblico. Balletti ed ospiti speciali Come Albano, Marco Morandi, Gianfranco Anellino, Gianfranco Butinar ed altri artisti a coronare la stagione artistica. Si fa presto a dire ai tempi miei: è lo show con live Band in scena nei cabaret, music hall e trendsetter location della capitale e di altre città d'Italia. Max racconta la vita, le storie, le abitudini di noi Italiani, mettendo alla berlina il come eravamo e come siamo oggi attraverso sketch e tanta musica live degli anni 70/80 ripercorrendo straordinari momenti insieme al pubblico che si ritrova ad interagire con l'artista e diventando parte integrante dello spettacolo. Max Maglione ha consolidato più di 50.000 spettatori paganti e vanta ben 108 show 27 interventi televisivi 51 interviste Radio.

"Non c'è più religione", il perfetto mix di divertimento, musica e impegno a sostegno dei bambini e degli adolescenti malati di cancro ospiti della Grande Casa di Peter Pan.

Opening Act: ore 19:00

Inizio concerto ore 22:00

Max Maglione "Non c'è più religione"

Line-up

Massimo Maglione, Voce-Chitarra

Giorgio Amendolara, Tastiere

Minotti Minervini, Basso

Gigi Zito, Batteria

DOMENICA 10 GIUGNO

Musicabaret

MAX PAIELLA & THE RABBITS

Il crooner swing più simpatico ovvero Max Paiella & The Rabbits ci porterà a spasso, nel suo personalissimo e divertentissimo modo, tra gli standard swing più conosciuti e tra qualche chicca d'antan. Max Paiella è noto al grande pubblico per la partecipazione ormai storica alla trasmissione radiofonica "Il ruggito del coniglio", ma anche per la sua collaborazione con Lillo e Greg e per la partecipazione a diverse trasmissioni televisive. Un concerto di swing serio al 80%. Il restante 20% è quello che succede con il pubblico che parte integrante della serata tra suggestioni, improvvisazioni e gag con i suoi personaggi ormai familiari a tutti. Se l'avete conosciuto in veste di brillante personaggio radiofonico e televisivo, non perdetevi il suo limpido talento musicale!? Un concentrato di arte varia, dai brani dei celebri personaggi del Ruggito del coniglio la celebre trasmissione radiofonica su radio 2 da più di 20 anni, a Sinatra, Tony Bennet, Louis Prima e ci sarà anche qualche omaggio a Bruno martino, Carlo Alberto Rossi e alcuni brani dei celebri cartoons della Disney!

Line-up

Max Paiella: voce

Alberto Botta: batteria

Francesco Redig Campos: basso

Attilio Di Giovanni: tastiere

Carlo Ficini: trombone

Peppe Ricciardo: sax

Evento principale, vedi dettagli:


Parteciperai? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma