Un ciclo di incontri dedicato alla creatività organizzato dall'Accademia di Francia

Giovedì 2 giugno l'Accademia di Francia a Roma apre le porte al teatro musicale contemporaneo con Inevitable Music # 5 di Sébastien Roux, compositore e borsista in residenza a Villa Medici, assieme all'Ensemble Dedalus, e il concerto dell'ensemble Ars Ludi, presentati a Villa Medici in coproduzione con il Teatro dell'Opera di Roma nell'ambito del Fast Forward Festival, prima edizione, e del ciclo I giovedì della Villa - Questions d'art.

Ore 19.00 - Con il concerto Inevitable Music # 5, Sébastien Roux propone una "traduzione sonora" di alcuni Wall Drawings dell'artista americano Sol LeWitt, realizzati in Italia tra il 1968 e il 2007, e a Villa Medici tra il 2001 e il 2003. Durante un soggiorno negli Stati Uniti, Roux ha studiato una serie di disegni di Sol LeWitt, profondamente differente dal corpus italiano dell'artista, osservando che le forme elementari e i colori primari lasciano posto a motivi più netti e a giochi di colore più complessi.

Sébastien Roux è nato nel 1977. Compone musica elettronica che fa conoscere tramite registrazioni, sessioni di ascolto, installazioni, percorsi o spettacoli radiofonici. Si interessa alle condizioni dell'ascolto, alla nozione di spazio sonoro e alla composizione a partire da obblighi formali. Da molti anni lavora alla traduzione sonora, principio che consiste nell'utilizzare un'opera esistente come partitura per una nuova opera. Tale procedimento ha dato vita a Quatuor (Quartetto), musica elettroacustica a partire dal Quartetto per archi n. 10 di Beethoven, Nouvelle, spettacolo radiofonico basato sulla Leggenda di San Giuliano l'Ospitaliere di Flaubert e Inevitable Music, ciclo di traduzioni sonore dei Wall Drawings di Sol LeWitt. Collabora spesso con l'autrice Célia Houdart e con lo scenografo Olivier Vadrot su progetti transdisciplinari e in situ. Ha realizzato la colonna sonora di coreografie di DD Dorvillier, Sylvain Prunenec e Rémy Héritier.

Ensemble Dedalus è un ensemble di musica contemporanea di stanza a Montpellier, fondato nel 1996 da Didier Aschour. È strutturato come un collettivo nel quale ciascun musicista collabora all'orchestrazione e all'interpretazione, con un basato su spartiti a strumentazione libera emersi dalla musica sperimentale nord-americana ed europea dagli anni 60' ad oggi.

Efficace promotore del minimalismo americano degli anni 60/70, Dedalus ha commissionato brani alla nuova generazione di compositori che riprende l'eredità della musica scritta sperimentale.

Ha presentato prime esecuzioni di compositori sperimentali come Tom Johnson, Christian Wolff, Alvin Lucier, Phill Niblock, Frederic Rzewski e James Tenney al pubblico francese ed europeo.

L'ensemble suona in Europa e negli Stati Uniti, specialmente a Instants Chavirés, Roulette a New York, e nell'ambito dei festival Music e Music We'd Like to Hear a Londra, Musique Action a Vandoeuvre-lès-Nancy, Angelica a Bologna, etc.

Segue alle ore 20.30 il concerto dell'ensemble Ars Ludi, con le percussioni di Antonio Caggiano, Rodolfo Rossi, Gianluca Ruggeri e Giancarlo Simonacci al pianoforte. In programma Helicopters and butterflies per solo percussionista (2012) di Lucia Ronchetti, presentato a Villa Medici in prima italiana; Rrrrrrr…(1982) di Mauricio Kagel, sei brani per due percussionisti; I Funerali dell'Anarchico Serantini per tre percussionisti (2005-2006) di Francesco Filidei, Fads and fancies in the Academy per cinque performer (1940) di John Cage.

2 giugno 2016

ore 19.00 - Sébastien Roux / Ensemble Dedalus

Inevitable Music #5, concerto di traduzioni sonore dei Wall Drawings di Sol LeWitt

ore 20.30 - concerto dell'ensemble Ars Ludi

Antonio Caggiano, Rodolfo Rossi, Gianluca Ruggeri, percussioni

Giancarlo Simonacci, pianoforte

Musiche di:

Lucia Ronchetti, Helicopters and butterflies per solo percussionista (2012), prima italiana

Mauricio Kagel, Rrrrrrr… sei brani per due percussionisti (1982)

Francesco Filidei, I Funerali dell'Anarchico Serantini per tre percussionisti (2005-2006)

John Cage, Fads and fancies in the Academy per cinque performer (1940)

I giovedì della Villa – Questions d'art è il ciclo di incontri dedicato alla creatività e organizzato dall'Accademia di Francia a Roma. Gli incontri si svolgono tutti i giovedì (con esclusione dei mesi di luglio e agosto).

Ogni giovedì si articola in due appuntamenti, alle 19.00 e alle 20.30.

Incontri in italiano con traduzione in francese o in francese con traduzione in italiano.

Accademia di Francia a Roma – Villa Medici

viale Trinità dei Monti, 1 - 00187 Roma

I giovedì della Villa

Questions d'art

in coproduzione con il Teatro dell'Opera di Roma, nell'ambito del

Fast Forward Festival

CALENDARIO DEI PROSSIMI APPUNTAMENTI

9 giugno

19.00-1.00 Villa in musica

dj set, performance e installazioni con L-Vis 1990, Chloé, Francisco, Jackson, musicisti e dj, Hicham Berrada, artista visivo

Biglietti: 10 € (+ diritti di prevendita) / 15 € la sera dell'evento

Prevendite dei biglietti prossimamente su www.boxofficelazio.it e presso la biglietteria di Villa Medici

16 giugno

19.00 Il restauro del calco seicentesco di Ercole e Telefo bambino

conferenza di Luca Fabiani, tecnico del rilievo 3D, ed Emiliano Ricchi, conservatore e restauratore di opere d'arte

20.30 Una storia di profumi tra arte e giardini

incontro con Laura Bosetti Tonatto, creatrice di profumi

23 giugno

19.00 Art Club #6

installazione - performance del collettivo artistico Claire Fontaine, a cura di Pier Paolo Pancotto

20.30 La Légèreté

incontro con Catherine Meurisse, disegnatrice del settimanale "Charlie Hebdo"

30 giugno

19.00 inaugurazione Teatro delle Esposizioni #7


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma