La grande iniziativa nazionale di promozione del libro e della lettura

Quali saranno i limiti per i libri da acquistare e donare? Nessuno. Né di numero, né di titolo, né di genere. Potranno essere saggi, romanzi, libri scolastici, libri professionali, manuali illustrati. A chiunque vorrà donare un libro sarà riservato il privilegio di scegliere – responsabilmente – il testo che ha più caro o che ritiene più importante per la scuola del proprio quartiere o della propria città. Tesori personali che hanno arricchito il passato di milioni di cittadini, mattoncini su cui sono state costruite identità di lettori e di persone, potranno dunque tornare ad alimentare l'amore per la lettura anche tra le nuove generazioni: tra i giovani e i giovanissimi. In un processo virtuoso che aiuterà insegnanti e istituzioni scolastiche nel loro quotidiano e imprescindibile lavoro formativo.

Esattamente come l'anno scorso, saranno i Messaggeri il nodo portante dell'iniziativa. Sia quei lettori appassionati che hanno già partecipato alla prima edizione, sia le tante "nuove reclute" che si iscriveranno alla campagna 2016. Saranno loro l'anima della mobilitazione nazionale, ne sposeranno l'obiettivo, promuoveranno l'iniziativa e si uniranno ai librai durante i nove giorni della manifestazione.

Anche quest'anno #ioleggoperché avrà dunque bisogno di Messaggeri "pronti a tutto": a coinvolgere parenti, amici, colleghi, conoscenti e sconosciuti in una grande campagna a favore della lettura. Ma i Messaggeri non saranno soli. Proprio in un'ottica di partecipazione collettiva e diffusa, saranno affiancati da una vasta rete di operatori, così da rendere l'operazione capillare sul territorio nazionale. Da un lato ci saranno le realtà beneficiarie dirette delle donazioni (le scuole primarie, secondarie di primo e di secondo grado, le aziende), dall'altro interverranno le centinaia di librerie in cui si potranno acquistare i libri. Inoltre, sarà prezioso il contributo delle biblioteche, delle associazioni, dei gruppi di lettura, delle case editrici, degli organizzatori degli eventi spontanei che faranno da cassa di risonanza all'iniziativa. Di fondamentale importanza sarà anche la partnership con il Centro per il Libro e la Lettura (CEPELL) e l'iniziativa Libriamoci, programma di letture ad alta voce nelle scuole che si svolgerà negli stessi giorni di #ioleggoperché. La concomitanza tra i due progetti permetterà di realizzare una sinergia proficua e innovativa, sia in termini logistici che di comunicazione sulle reciproche piattaforme digitali.

#ioleggoperché infatti non si svilupperà solo nella dimensione concreta e "fisica" delle librerie e delle biblioteche, delle scuole e delle aziende. Vivrà anche nell'universo digitale, in particolare sulla piattaforma www.ioleggoperche.it: una vera e propria piazza virtuale in cui Messaggeri, librerie, scuole e aziende potranno collegarsi e gemellarsi, lanciare iniziative social e segnalare le attività che andranno ad animare la vivace community online.

LE FASI

#ioleggoperché sarà una grande festa per il libro e per la lettura che durerà dalla primavera alla fine dell'anno. Il progetto prevede un ricco percorso di ingaggio, coordinamento e sviluppo delle iniziative. Un mix di idee e azioni che prenderà il via all'inizio di maggio, proseguirà nei mesi estivi, culminerà nei nove giorni della campagna a ottobre e si chiuderà con la consegna dei libri a novembre e poi con il raddoppio degli editori.

PRIMA FASE – DAL 5 MAGGIO AL 21 OTTOBRE

In un giorno simbolico per la storia della letteratura italiana e mondiale, immortalato poeticamente da Alessandro Manzoni, prenderà ufficialmente il via la seconda edizione della campagna. Sarà infatti lanciata giovedì 5 maggio la "chiamata alle armi" dei Messaggeri che hanno partecipato al programma del 2015 e inizierà il reclutamento dei nuovi ambasciatori della community. L'obiettivo sarà quello di coinvolgere lettori appassionati e cittadini responsabili, desiderosi di condividere le proprie storie e di partecipare a un grande movimento per la diffusione della cultura e la crescita del paese. Utilizzando gli strumenti e gli spazi offerti dalla piattaforma www.ioleggoperche.it, i mesi primaverili ed estivi serviranno a reclutare e formare i Messaggeri, sviluppando il network che terrà in contatto tutti i protagonisti della campagna e definendo le prime iniziative di coinvolgimento del pubblico. Nello stesso periodo, sempre attraverso la registrazione sul sito online, si stringeranno i rapporti tra i Messaggeri, le librerie e le scuole aderenti all'iniziativa, con la definizione di quei gemellaggi che saranno decisivi nella fase successiva della campagna.

SECONDA FASE – DAL 22 AL 30 OTTOBRE

#ioleggoperché nasce come una grande alleanza per portare i libri e la lettura nella quotidianità degli italiani. Un'alleanza che, dopo la creazione e il consolidamento di una rete capillare di Messaggeri, librerie, scuole, aziende, biblioteche e istituzioni, troverà la sua concreta attuazione nei nove giorni finali del mese di ottobre. Due saranno i beneficiari diretti: le biblioteche scolastiche e le biblioteche aziendali.

BIBLIOTECHE SCOLASTICHE: dal 22 al 30 ottobre i cittadini italiani saranno invitati a scegliere un libro da acquistare e donare alla biblioteca di una scuola. I Messaggeri saranno presenti nelle librerie per promuovere l'iniziativa e unirsi ai librai nella raccolta dei libri. Ogni volume regalato nell'ambito di #ioleggoperché sarà identificato con un adesivo in cui potrà essere riportato il nome del Donatore e una sua dedica. Chi acquista il libro potrà decidere se destinarlo a una scuola specifica oppure affidarlo al libraio che – con l'aiuto dei Messaggeri – sceglierà tra le scuole con cui è gemellato sulla base delle quantità raccolte per ciascun istituto.

BIBLIOTECHE AZIENDALI: negli stessi giorni, grazie all'accordo tra Associazione Italiana Editori (AIE) e Confindustria – Gruppo tematico Cultura, si assisterà alla creazione (o al potenziamento) delle biblioteche interne delle aziende aderenti alla campagna in modo da trasformarle in centri di aggregazione in cui i lavoratori possono incontrarsi e divertirsi. In qualità di cittadini, gli imprenditori e i lavoratori saranno anche invitati a partecipare all'iniziativa a sostegno delle biblioteche scolastiche. In questo modo, le due anime di #ioleggoperché si intrecceranno in un unico percorso virtuoso di diffusione della cultura e del libro.

Concepito come un evento diffuso e dinamico, nei giorni-chiave di ottobre #ioleggoperché offrirà anche la possibilità a soggetti singoli, gruppi di lettura, associazioni ed enti di aderire attraverso l'organizzazione e la promozione di eventi spontanei: letture, spettacoli, incontri con autori e professionisti del mondo dell'editoria. Anche il palinsesto di questi eventi sarà raccolto e diffuso sulla piattaforma digitale www.ioleggoperche.it, come già avvenuto nell'edizione 2015 (quando oltre 1200 eventi furono registrati sul sito). Tutto ciò servirà da cassa di risonanza per l'iniziativa.

TERZA FASE – DOPO IL 30 OTTOBRE

A partire da novembre inizierà la consegna dei libri raccolti alle scuole aderenti. E non solo: entreranno anche in scena gli Editori. In linea con l'obiettivo della campagna di dotare le biblioteche scolastiche del maggior numero possibile di libri, rinnovando e arricchendo patrimoni vecchi, ridotti e poco aggiornati, gli Editori interverranno secondo la logica del raddoppio: per ogni libro acquistato e donato dagli italiani, le case editrici ne metteranno a disposizione altrettanti che saranno inviati in un uguale numero nelle scuole aderenti che ne faranno richiesta, nel rispetto degli ordini scolastici: primario, secondario di I e di II grado.

Inoltre, nel mese di novembre, le case editrici si metteranno a disposizione delle scuole per l'organizzazione di incontri tra studenti e autori, esperti e professionisti dell'editoria. Anche in questo caso, un ruolo centrale sarà svolto dalla piattaforma online: attraverso lo strumento digitale le scuole potranno confermare la richiesta dei libri agli Editori. Dopo la prima fase di preparazione e la seconda fase di donazione, si aggiungerà dunque una terza fase di distribuzione, riflessione e approfondimento sull'universo della cultura e dell'editoria, attraverso le voci e le esperienze di quei protagonisti che ogni giorno lavorano con i libri e contribuiscono ad alimentare il patrimonio letterario nazionale.

I PROTAGONISTI

I MESSAGGERI

Come già avvenuto nella prima edizione, anche nel 2016 i Messaggeri saranno l'anima del progetto. Lettori appassionati, motivati, entusiasti, genitori, insegnanti, nonni, studenti universitari pronti a tutto per la buona riuscita di #ioleggoperchè: diffonderanno l'iniziativa tra i propri conoscenti, negli ambienti di lavoro e sui social network, si 'gemelleranno ' ai librai durante i nove giorni della campagna (22-30 ottobre).

I LIBRAI

Se i Messaggeri sono il carburante, i Librai possono essere considerati il motore dell'operazione. A loro spetterà il compito di porsi come punto di contatto tra Messaggeri, Scuole ed Editori. Nei primi mesi di attività della campagna accoglieranno le candidature dei Messaggeri, stringeranno gemellaggi con le Scuole, riceveranno le eventuali liste dei titoli desiderati dagli istituti e riforniranno il proprio catalogo in base alle richieste. In vista della settimana finale di ottobre, si occuperanno di promuovere la campagna (anche attraverso la distribuzione di cartoline), coordineranno incontri con i Messaggeri e con gli insegnanti delle Scuole del territorio, contribuiranno (assieme ai Messaggeri) all'animazione social della piattaforma online, coinvolgeranno i propri clienti abituali informandoli sulla campagna. Dal 22 al 30 ottobre, potranno organizzare iniziative ed eventi spontanei: le librerie saranno i singoli nodi di una rete capillare e diffusa sul territorio, attraverso la quale #ioleggoperché coprirà ed animerà il territorio nazionale.

LE SCUOLE

Tra le principali beneficiarie dell'intera campagna, le scuole avranno i loro attori chiave nei dirigenti scolastici e negli insegnanti. Gli istituti della primaria e della secondaria di primo e secondo grado potranno aderire al progetto a partire da fine maggio, iscrivendosi al sito www.ioleggoperche.it secondo le modalità che verranno comunicate e gemellandosi a una o più librerie della propria città. La scuola potrà anche inviare una lista di libri desiderati, suggerendo i titoli che preferirebbero ricevere per andare a colmare le lacune e/o ad aggiornare il patrimonio librario della propria biblioteca. Da questo punto di vista, maggiore sarà la relazione tra insegnanti e librai, maggiore sarà l'efficacia dell'iniziativa. Molto importante sarà anche la possibilità di avere Messaggeri che abbiano un rapporto personale e privilegiato con gli istituti (in quanto insegnanti o genitori degli alunni).

LE AZIENDE

La decisione di coinvolgere le Aziende nell'ambito della seconda edizione di #ioleggoperché dipende dalla consapevolezza di come la lettura sia un fenomeno strettamente correlato con lo sviluppo economico e democratico di un paese. #ioleggoperché non è solo iniziativa culturale, ma anche economica, politica e civile. In seguito all'alleanza tra AIE e Confindustria-Gruppo tematico Cultura, gli imprenditori saranno invitati ad aderire al progetto, dotando la propria azienda di una biblioteca e di un patrimonio librario. Il criterio con cui sarà assortita la biblioteca, l'individuazione dello spazio e il suo allestimento saranno gestiti da ogni singola Azienda, ma l'obiettivo andrà oltre alla creazione di semplici raccolte di manuali e testi professionali: le nuove biblioteche aziendali risponderanno allo spirito dell'iniziativa proprio perché offriranno ai propri dipendenti una scelta varia e in grado di rispondere alle esigenze di tutti.

LE BIBLIOTECHE

Una menzione speciale meritano le "altre" biblioteche, quelle non scolastiche o aziendali, dato che il loro ruolo sarà importante. In tutte le fasi di avvicinamento ai giorni delle donazioni, le biblioteche locali saranno infatti promotrici dell'iniziativa, partecipando al reclutamento dei Messaggeri e al coinvolgimento degli istituti scolastici (in particolare in quei casi in cui esistano già proficui rapporti di collaborazione). Dal 22 al 30 ottobre, anche le Biblioteche organizzeranno eventi, incontri, presentazioni, servizi informativi speciali. In particolare ci saranno visite guidate nelle biblioteche italiane, nel periodo 2230 ottobre. Tutti gli appuntamenti potranno essere comunicati e promossi sulla piattaforma digitale di #ioleggoperché.

LE UNIVERSITÀ

Luogo principe per il coinvolgimento dei Messaggeri, il circuito universitario sarà importante per favorire l'adesione degli studenti e la diffusione dell'iniziativa. Il Messaggero universitario potrà attivarsi e coinvolgere nel progetto la propria scuola superiore d'origine, prendendo contatto con i suoi ex-professori, raccontando ad altri studenti l'iniziativa, invitandoli a gemellarsi con una libreria e a prendere parte alle attività di #ioleggoperché. Inoltre le Università potranno organizzare eventi legati al libro e alla lettura per sensibilizzare studenti e famiglie sul tema delle biblioteche scolastiche.

IL GRUPPO DI LAVORO

Oltre ai 35.000 Messaggeri, alla prima edizione di #ioleggoperché hanno aderito 1.000 biblioteche, 1100 librerie, quasi 100 associazioni e punti vendita della grande distribuzione. L'ambizione e l'obiettivo dell'Associazione Italiana Editori è che nel 2016 questa rete diventi ancora più capillare, diffusa, completa. A questo scopo, AIE ha coinvolto una squadra formata da editori, esponenti del mondo delle biblioteche, delle librerie, della diffusione del libro. La campagna, sotto gli auspici del CEPELL – Centro per il Libro e la Lettura e in collaborazione con ALI – Associazione Librai Italiani, AIB – Associazione Italiana Biblioteche e Confindustria – Gruppo tematico Cultura, può contare sul patrocinio del MIBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Main partner dell'iniziativa è Pirelli. Media partner del progetto sono Corriere della Sera, Gruppo Mondadori, la Repubblica e Il Sole 24 Ore.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma