SUBIACO DONERA' I RICAVI DELLA VENDITA DEL PIATTO IN MENU' "STROZZAPRETI ALL'ARRABBIATA" INTERAMENTE AD AMATRICE

Scavare a fondo nelle tradizioni gastronomiche, musicali e dialettali di Subiaco alla ricerca delle radici in comune dei popoli dell'alta valle dell'Aniene. O meglio le "rajche" – come si usa dire nel dialetto del paese in provincia di Roma -, un vero tesoro da preservare di fronte all'avanzare inesorabile del tempo attraverso una manifestazione che permette a tutti di sentirsi sublacensi. Qui, all'ombra della Rocca Abbaziale che fu dimora dei Barberini, dei Colonna e di Lucrezia Borgia, dal 26 al 28 agosto torna l'appuntamento con "Rajche, radici in comune", tre imperdibili giorni dedicati alla cultura locale e dialettale tra poesie, stornelli e canti popolari. A dare il via all'evento, venerdì 26 agosto alle 21.30, sarà la rappresentazione teatrale "Attizza ju foco, carbonà", scritta e diretta da Benedetto Bagnani e curata dai ragazzi dell'associazione Rajche. Quindi grande spazio sarà dato alla buona cucina con l'attesissimo appuntamento con la passeggiata gastronomica: sabato 27 agosto dalle 19 alle 24, muniti di sacca e calice, i visitatori potranno tuffarsi in una sorta di tour con tantissime portate della cucina tipica del territorio, realizzate al momento seguendo le ricette delle nonne ed esclusivamente con materie prime del posto; in abbinamento ai piatti a "chilometro zero" le aziende vinicole locali proporranno i loro migliori prodotti da gustare nelle vecchie cantine del paese, riaperte per l'occasione, nelle quali è possibile respirare l'atmosfera tipica delle feste di un tempo.

Informazioni, orari e prezzi

Info:
http://www.fuoriporta.org/eventi/rajche-radici-comune-subiaco-rm-2628-agosto
info@fuoriporta.org

Dove e quando