Alessandro Valeri apre il suo nuovo studio con la presentazione del libro "Tornando a Palermo" di Enrico Maria Fender

La lettura del romanzo Tornando a Palermo e la conoscenza del suo autore Enrico Maria Fender (scrittore, attore, regista, musicista, vicino anche all'arte contemporanea), hanno indotto l'artista  Alessandro Valeri ad aprire il suo nuovo studio - nel senso dell'ospitare con un incontro-evento d'arte che richiama la pratica del simposio condiviso. Coerente con la sua ricerca artistica, fatta anche di inclusione, di melting pot e allargamento in altre discipline, Valeri si fa miccia d'innesco di un accadimento festoso e culturalmente ricco e profondo che riporta lo studio dell'artista al suo ruolo originario anche di luogo di incontro e confronto con altri amici artisti, critici, intellettuali, creativi.

Ce n'est qu'un prétexte: il romanzo è solo un pretesto per il piacere di stare insieme e di concedersi la libertà di divagare, di parlare d'arte, poesia, letteratura, teatro,performance e anche di leggere e cantare.

Così, si passerà dalla presentazione del romanzo di Fender a cura di  Costantino D'Orazio (storico dell'arte) alla recitazione di alcuni passi del libro da parte dell'attrice Maria Teresa Coraci, dai video di Stefano Scialotti (regista e autore   della prefazione di Tornando a Palermo) alla presentazione che lo stesso   Costantino D'Orazio dedicherà ad  Alessandro Valeri e alla sua ricerca artistica; Fiorella Bassan (già docente di ermeneutica artistica all'Università La Sapienza di Roma) parlerà del romanzo  Non Finito , scritto da Maria Teresa Coraci, che leggerà alcuni pagine   del   libro   ispirato   alla   figura   di   Camille   Claudel,   aprendo   anche al   tema dell'identità di genere, arte, disagio psichico e condizionamento sociale, introducendo un'esperienza   collettiva   di  deprivazione visiva del   collettivo   artistico Numero Cromatico che si svolgerà nel cortile della Fondazione Pastificio Cerere.

E. M. Fender e M. T. Coraci, infine percorreranno insieme alcuni  

sentieri di poesia, interpretando e cantando versi di Giuseppe Schiera, Ignazio Buttitta, Tom Waits.

Chiuderà la lettura Pino Quartullo con un apporto a sorpresa.

Barbara Martusciello (critico e curatore d'arte che segue da tempo il lavoro di Valeri) si è riservata la parte del  fine dicitore che presenterà e legherà insieme tutti questi contributi, interventi e momenti.

Ce n'est qu'un prétexte

Alessandro Valeri apre il suo nuovo studio con la presentazione del libro

"Tornando a Palermo " di Enrico Maria Fender

e

Presentazione del libro Non Finito (di Maria Teresa Coraci); performance di "Numero Cromatico"; altre divagazioni di poesia, musica e teatro; tanta arte. L'evento chiude a mezzanotte con una lettura di Pino Quartullo


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma