456 è la storia comica e violenta di una famiglia che, isolata e chiusa, vive in mezzo a una valle oltre la quale sente l'ignoto. Padre, madre e figlio sono ignoranti, diffidenti, nervosi. Si lanciano accuse, rabboccano un sugo di pomodoro lasciato dalla nonna morta anni prima, litigano, pregano, si odiano. Ognuno dei tre rappresenta per gli altri quanto di più detestabile ci sia al mondo.
E tuttavia occorre una tregua, perché sta arrivando un ospite atteso da tempo, che può e deve cambiare il loro futuro.
Tutto è pronto, tutto è perfetto. Ma la tregua non durerà.

4 5 6 nasce dall'idea che l'Italia non è un paese, ma una convenzione. Che non avendo un'unità culturale, morale, politica, l'Italia rappresenti oggi una comunità di individui che sono semplicemente gli uni contro gli altri: per precarietà, incertezza, diffidenza e paura; per mancanza di comuni aspirazioni. 4 5 6 è una commedia che racconta come proprio all'interno della famiglia – che pure dovrebbe essere il nucleo aggregante, di difesa dell'individuo – nascano i germi di questo conflitto: la famiglia sente ostile la società che gli sta intorno ma finisce per incarnarne i valori più deteriori, incoraggiando la diffidenza, l'ostilità, il cinismo, la paura. 4 5 6 racconta la famiglia come avamposto della nostra arretratezza culturale.


Dallo spettacolo è stato tratto l'omonimo sequel televisivo, prodotto da Inteatro e andato in onda su La7 all'interno del programma "The show must go off" di Serena Dandini, e il libro "4 5 6 – Morte alla famiglia", edito da Dalai. 456 fa parte de progetto televisivo "Sei pezzi facili - tutto il teatro di Mattia Torre" ripresi con la regia televisiva di Paolo Sorrentino per Rai3. Le pièce teatrali dell'autore, dalle quali sono stati tratti i film, sono: 'Migliore', 'Gola', 'Perfetta', 'Qui e ora', '465' e 'In mezzo al mare'. Tutti i Sei pezzi facili saranno tradotti in inglese all'interno del Progetto Italian and American Playwrights Project curato da Valeria Orani e Frank Hentschker con 369gradi, Martin E. Segal Theatre Center / Graduate Center CUNY e il supporto dell'Istituto Italiano di Cultura di New York.

Mattia Torre, sceneggiatore, autore teatrale e regista. Insieme a Giacomo Ciarrapico è autore, negli anni '90, delle prime commedie teatrali "Io non c'entro" "Tutto a posto" "Piccole anime" e "L'ufficio". Nel 2000 pubblica il libro "Faleminderit Aprile '99 in Albania durante la guerra". È co-sceneggiatore del film "Piovono Mucche" di Luca Vendruscolo. Nel 2003 il suo monologo "In mezzo al mare" con Valerio Aprea vince al Teatro Valle di Roma la rassegna Attori in cerca d'autore. Nel 2005 scrive e dirige il monologo teatrale "Migliore", con Valerio Mastandrea. È autore del monologo breve "Gola" e dei corti teatrali "Il figurante" e "Sopra di noi". È stato tra gli autori del programma "Parla con me" di Serena Dandini. Con Ciarrapico e Vendruscolo scrive la serie TV "Buttafuori" e, dal 2007, la prima, la seconda e la terza stagione di "Boris", per Fox Italia. Della seconda è anche co-regista. Con gli stessi autori, scrive e dirige "Boris – il film".

Nel 2011 scrive "456" che andrà in scena al teatro Piccolo Eliseo, interpreti Cristina Pellegrino, Carlo De Ruggieri, Massimo De Lorenzo e Franco Ravera. Lo spettacolo è prodotto da Pietro Sermonti e Ninni Bruschetta. Negli anni successivi sarà prodotto da Velia Papa per Marche Teatro. Traendo spunto da questo spettacolo Mattia scrive e dirige un sequel televisivo che va in onda all'interno del programma "The show must go off" di Serena Dandini su LA7. Nel 2012 pubblica con Dalai editore la raccolta di tutti i monologhi teatrali nel libro "In mezzo al mare" e il libro "456" che contiene il testo teatrale e le sceneggiature del sequel televisivo.
Nel 2013 scrive e dirige "Qui e ora". Il debutto ha come interpreti Valerio Aprea e Valerio Mastandrea, poi nel 2017, al posto di quest'ultimo ci sarà Paolo Calabresi.
Nel 2014, con Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo scrivono e dirigono "Ogni maledetto Natale", prodotto da Lorenzo Mieli.

Nel 2015 scrive con Corrado Guzzanti la serie Sky "Dov'è Mario?" che andrà in onda nel 2016. In quello stesso anno, scrive e dirige "La linea verticale", il racconto della sua esperienza in ospedale in seguito ad un importante intervento chirurgico. La serie andrà in onda su Raitre nel 2018 prodotta Lorenzo Mieli. Dalla serie verrà tratto il romanzo "La linea verticale", edito da Baldini&Castoldi nello stesso anno. Nel 2017 scrive e dirige il monologo "Perfetta" con Geppi Cucciari. Nel Gennaio 2017 al teatro Ambra Jovinelli va in scena una rassegna dedicata al teatro di Mattia con la messa in scena di Qui e ora, 456 e Migliore. Nel 2018 scrive la sceneggiatura di "Figli". Nel 2019 inizia la preparazione del film ma la regia sarà poi firmata da Giuseppe Bonito ed uscirà nel 2020.Nel 2019 pubblica per Mondadori una riedizione della raccolta "In mezzo al mare" integrata dal monologo "Perfetta".
Mattia muore a Roma il 19 Luglio 2019.

Nel 2021 viene pubblicato da Mondadori "A questo poi ci pensiamo", una raccolta di racconti e monologhi inediti. Ottobre 2022 esce Boris 4 su Disneyplus, scritta senza Mattia ma dedicata a lui.
Nel 2022, Lorenzo Mieli produce per Raitre "Sei pezzi facili - tutto il teatro di Mattia Torre" per la regia televisiva di Paolo Sorrentino. Gli spettacoli vengono girati nel Teatro Ambra Jovinelli e vanno in onda su tra novembre e dicembre 2022 sul Raitre e Raiplay.

4 5 6
con Massimo De Lorenzo, Carlo De Ruggieri, Cristina Pellegrino
e con Giordano Agrusta

scritto e diretto da Mattia Torre
produzione Marche Teatro / Nutrimenti Terrestri / Walsh

durata dello spettacolo 80'

Come raggiungerci con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma, Via R. Giovagnoli, 20,00152 Roma
Con mezzi pubblici: autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano: da Ostiense fermata Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello. Oppure fermata della metro Cipro e Treno Metropolitano fino a Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello
SOSTIENI LA CULTURA VIENI AL TEATRO VASCELLO

Informazioni, orari e prezzi

Orario:
dal martedì al venerdì h 21
sabato h 19 
domenica h 17

Biglietti: Intero 25 euro - Ridotto over 65: 20 euro - Ridotto Cral/Enti convenzionati: 18 euro - Ridotto studenti, studenti universitari, docenti e operatori delle scuole di teatro, cinema e danza 16 euro gruppi di almeno 10 persone 16 euro a persona

Info: 
tel. 06 5881021 – 06 5898031
promozioneteatrovascello@gmail.com
promozione@teatrovascello.it

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli