Per l'apertura della trentesima edizione del RomaEuropa Festival

Se la memoria è la prima arma del teatro quando gli attori interpretano un testo contemporaneo o quando ritroviamo titoli del passato in nuove interpretazioni, Robert Lepage apre la trentesima edizione del Romaeuropa Festival con “887”, uno spettacolo che si nutre di ricordi, li analizza e li fa deflagrare in una scena multimediale. Di questo “887” Lepage sarà l’interprete principale, affiancato da un’affascinante scenografia tecnologica in cui è maestro indiscusso: il titolo corrisponde al numero civico di Rue Murray, dove l’artista quebecchese viveva da bambino, e simboleggia un’incursione magica, emozionante, ironica e passionale nelle sue memorie familiari. Tuttavia Lepage compie anche un ardito cortocircuito tra memoria individuale e collettiva, gli anni della sua giovinezza corrispondono infatti alla rivolta del Québec francofono contro il Canada anglofono, quella “révolution tranquille” che ha portato all’indipendenza di questa provincia canadese. Drammaturgo, attore ammaliziato, regista e scenografo raffinato, Lepage è considerato a livello internazionale una delle figure apicali del palcoscenico contemporaneo. Accanto alla sua notevole produzione teatrale, di cui ricordiamo “Les Aiguilles et l’opium” e “Andersen Project”, presenti nelle passate edizioni del Festival, l’artista quebecchese ha anche collaborato alla messa in scena dei concerti di Peter Gabriel e si è dedicato al teatro musicale, come la recente regia di “Der Ring des Nibelungen” di Richard Wagner al Metropolitan di New York, conquistando un Grammy Award. Da consumato uomo di palcoscenico, in questo nuovo lavoro Lepage distilla la sua grande esperienza teatrale e la sintetizza citando Jean Cocteau «Sono la menzogna che dice sempre la verità», a ricordarci che, diversamente dai computer, ogni volta che ricorda l’essere umano cambia, adatta, personalizza il passato: come il teatro, anche la memoria è un atto creativo.

Idea, Regia, Interpretazione Robert Lepage Direzione, Ideazione Steve Blanchet

Consigliere drammaturgico Peder Bjurman Assistente alla regia Adèle Saint-Amand

Musica originale, Concezione del suono Jean-Sébastien Côté Disegno luci Laurent Routhier

Concezione delle immagini Félix Fradet-Faguy Consulente per le scenografie Sylvain Décarie

Consulente per le scene Ariane Sauvé Consulente per i costumi Jeanne Lapierre

Una coproduzione Romaeuropa Festival

Foto © Érick Labbé

Prodotto da Ex Machina Commissionato da Arts and Culture Program del TORONTO 2015 Pan Am e Parapan Am Games Coprodotto da le lieu unique (Nantes), La Comète – Scène nationale de Châlons-en-Champagne, Edinburgh International Festival, Théâtre de la Ville-Paris, Romaeuropa Festival, Bonlieu Scène nationale d’Annecy, Célestins (Théâtre de Lyon), Le Théâtre français du Centre national des Arts d’Ottawa, Le Théâtre du Nouveau Monde (Montréal) Produttore associato Richard Castelli – Epidemic (Europa e Giappone), Menno Plukker – Menno Plukker Theatre Agent (America) per Ex Machina Michel Bernatchez Ex Machina è fondata da Canada Council for the Arts, Quebec’s Arts and Literature Council e la City of Quebec

887

Di S. Blanchet

regia di R. Lepage

scene di A. Sauvé

con R. Lepage

compagnia Ex Machina / Robert Lepage

presentato da RomaEuropa Festival


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma