Una commedia esilarante sull’amore e sulla vita di coppia

Dal 12 al 14 giugno, il Teatro Kopó di Roma ospita, nell’ambito della Rassegna estiva Il Teatro che non va in vacanza, lo spettacolo Amore mio ti odio, un’esilarante commedia sull’amore e sulla vita di coppia al tempo delle relazioni sentimentali ‘fluide’. I due protagonisti, Lui e Lei, sono una coppia come tante altre. Da quindici anni sono ormai immersi in un tranquillo ménage familiare, di quelli che visti dall’esterno definiresti come matrimoni di ferro. Al di là delle apparenze la miccia del conflitto coniugale è tuttavia ben presente ed è pronta ad esplodere. Lui, che è uno scrittore di gialli, in realtà non apprezza le gioie della vita a due. Lei, invece, si trova al centro di una clamorosa contraddizione esistenziale: poiché, pur essendo molto innamorata e timorosa di perdere il marito, magari sedotto da una donna più giovane, è in realtà una moglie fedifraga. Ad agitare le acque apparentemente tranquille del loro rapporto interviene un piccolo incidente domestico a causa del quale il marito, pur mantenendo intatte le proprie facoltà intellettuali, perde completamente la memoria. I due si trovano così a dover affrontare un percorso bizzarro, divertente e doloroso, che purtroppo conferma il sospetto di molti sulla propria relazione e su quelle degli altri: e cioè che anche la coppia più affiatata non è che una coppia di sconosciuti! Lo stile di vita un po’ scanzonato, bohemien e misterioso di lui, infatti, e la gelosia malcelata di lei li hanno portato a non riconoscersi più. Fondamentalmente le idee che rispettivamente nutrono sull'amore non coincidono e a nulla serve recitare la parte della coppia aperta e di ampie vedute. Avranno un bel da fare per cancellare l'immagine di sé che ciascuno ha dell'altro, attraverso rivelazioni sorprendenti, rancori, gelosie e fraintendimenti. Ma forse l'amore vero non si trova raggiungendo la perfezione, ma amando proprio quei terribili difetti che ci si affanna a nascondere.
La regia di Amore mio ti odio è affidata a Claudia Mariani che, con Angelo Sateriale, dà vita allo spettacolo interpretando la parte della moglie. L’audio e luci sono curate da Paolo Filipponi.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma