Una vera e propria ode alla figura materna dell'artista molisana

Artista molisana, impegnata in una ricerca che si estende nel campo della performing art e delle arti visive, Azzurra De Gregorio porta in scena una vera e propria ode alla figura materna, rappresentazione della donna per eccellenza e al contempo ruolo centrale nell'educazione sentimentale di un individuo: «Esiste un amore più grande di quello di, e per, una madre? Quando diventiamo adulti, come viviamo il nostro distacco da lei?». Cinque gli attori in scena per mettere in luce la complessità e l'interscambiabilità dei ruoli che tradizionalmente ci vengono imposti (quelli di figlio, amante, madre) e far emergere il ritratto sfumato e cangiante d'individui frammentati, alle prese con rotture e legami indissolubili. E proprio l'attenzione all'immagine scenica, quale fusione perfetta delle due anime che muovono il lavoro della De Gregorio tra performance e installazione, che caratterizza Madre. Una scenografia simbolica, un sapiente utilizzo della luce e un fine lavoro musicale -capace d'intessere i suoni prodotti dai vari elementi che interagiscono sulla scena- intervengono sulla percezione dello spettatore, per una fruizione sensoriale e affettiva, tra alchimie, pulsioni, miti e desideri ancestrali.


Un viaggio lungo 100 giorni quello di Romaeuropa Festival 2017, per raccontare le storie degli oltre trecento artisti ospiti attraverso una mappa tematica e narrativa che va oltre i soliti confini. Musica, teatro, danza, circo e arti visive lasciano spazio a storie potenti, visioni, racconti di sé ed esperienze da condividere. Where are we now? È quello che chiede e si chiede REf17. La risposta si trova nelle 24 location che, dal 20 settembre al 2 dicembre, fanno della città di Roma il centro culturale internazionale del mondo contemporaneo.

Appartiene ad un evento principale:


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma