Uno spettacolo tratto dal "Mahabharata" di Peter Brook

A distanza di trent'anni dal suo Mahabharata, opera memorabile e monumentale, il maestro della scena internazionale Peter Brook torna sul palcoscenico con il celebre poema epico indiano, uno dei testi fondamentali della religione induista. Nel 1985 la sua messinscena sconvolse il Festival di Avignone. Oggi, con Battlefield, Brook prova a far rivivere una storia di violenza e rimorso che interroga il nostro tempo e riflette i conflitti che straziano il nostro mondo. Non un semplice racconto, ma una guerra di sterminio che si consuma tra fazioni della stessa famiglia dei Bharata. Una storia universale che ci insegna ancora, inaspettatamente, ad aprire gli occhi di fronte alle realtà che la vita ci presenta. Da una parte sono schierati cinque fratelli, i Pandava, dall'altra i loro cugini, i Kaurava, i cento figli del Re cieco Dhritarashtra. Alla fine del conflitto prevalgono i Pandava, il più anziano dei quali, Yudishtira, deve salire al trono con il peso di una vittoria macchiata dalla distruzione. ll re Dhritarashtra, che ha perso tutti i suoi figli, e il nuovo re, suo nipote Yudishtira, condividono lo stesso bruciante dolore, eppure dovranno assumersene la responsabilità.

Battlefield

Di da Mahabharata e J.C. Carrère, regia di P. Brook, M.H. Estienne, musiche di T. Tsuchitori, con C. Karemera, J. McNeill, E. Nzaramba, S. O'Callaghan.

Spettacolo in lingua inglese con sopratitoli in italiano.

Adattamento e traduzione a cura di Luca Delgado.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma