Dal gioco di prestigio, alla pantomima, al canto e alla recitazione, un teatro colorato e comico

Un viaggio tra le pagine de "Il Piccolo Principe", interpretato nella personalissima maniera di Sergio Bini, in arte BUSTRIC. Lo spettacolo, adatto a tutte le età, sarà in scena al Teatro Tor Bella Monaca dal 26 dicembre fino all'ultimo dell'anno.

La musica è come l'acqua, prende la forma del recipiente dove la si mette pure restando sempre acqua. Con questo giuoco di parole, Bustric ci informa che la musica rende liberi gli spettatori e gli attori, perché pure essendo uguale per tutti, è diversa per ognuno. Ognuno la può interpretare come vuole. La musica è un compagno di viaggio capace di divenire protagonista i ogni istante senza mai essere prevaricatrice. Da molti anni Bustric compone e gioca con storie e personaggi che con la musica dialogano. Il suo mondo fatto di magia, giochi di prestigio, giocolerie, pantomima e parole, si sposa magnificamente bene con questa antichissima arte che, certo, è nata con l'uomo. Questo Piccolo Principe liberamente ispirato all'opera di Antoine de Saint-Exupéry ne è una prova. Il racconto che tutti conoscono diviene spunto di scene che si dilatano e creano sorprese. Del Piccolo principe si cerca qui la meraviglia nascosta dietro le parole . E' una rappresentazione libera e leggera, dove la scena semplice per scelta e necessità i trasforma a seconda del momento, divenendo ogni volta paesaggio e spazio magico, diverso.
Il gioco stesso racconta e diviene storia.

È il modo di mettere in scena di Bustric, ancora prima del racconto ad avere un valore didattico che incoraggia la creazione. Inventare e creare è forse l'attività umana più bella e straordinaria che esiste. Ai bambini deve essere mostrato che è possibile. Quello di Bustric e un esempio palpabile, che si vede perché davanti a tutti. La narrazione, anche se a volte è complessa, si risolve sempre con inventiva e semplicità, quella semplicità che nasce dallo studio e dal superamento di fronzoli e decori inutili. Si va diritto al cuore delle cose, no servono scene troppo costose e difficili. Bustric ci mostra che, se si libera la mente e con essa la fantasia e se si dà spazio al gioco, tutto può essere rappresentato: "Pianeti immaginari…Personaggi impossibili… tutto" Il pubblico è sempre disposto a credere e ad entrare nel gioco dell'attore. Il teatro diceva Borghes è "Una sospensione volontaria dell'incredulità"… I bambini hanno questa straordinaria capacità innata, ancora disponibile, per loro è del tutto naturale lasciarsi andare al gioco, aspettano solo di essere stimolati. Certo non si deve deluderli, sarebbe fatale. Si devono sempre mantenere le promesse. "Un ragazzino un giorno mi ha chiesto: come si fanno le magie? Io gli ho risposto che ci voleva la polvere magica e lui allora è diventato serissimo e come se avesse fatto una scoperta eccezionale mi ha chiesto: Va bene anche la polvere di casa mia?!!"

Bustric, autore, regista, attore, ha studiato presso le più prestigiose scuole e compagnie teatrali del mondo. Insieme agli altri elementi della "compagnia Bustric" scrive e interpreta spettacoli che vanno dal gioco di prestigio, alla pantomima, al canto e alla recitazione, creando un teatro colorato e comico.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma