In questa estate romana ha preso il via il lungo viaggio del Cantiere Amleto o della gioventù usurpata, guidato da Giorgio Barberio Corsetti, tra i quartieri e le generazioni di Roma. Venerdì 31 luglio (ore 18.30) l'appuntamento è negli spazi all'aperto del Parco Tor Tre Teste (in Via Locorotondo), per la prima tappa dal vivo con la restituzione pubblica dell'esito finale del laboratorio condotto sul territorio, in collaborazione con il Teatro Biblioteca Quarticciolo. 
Un invito rivolto alla cittadinanza e a tutto il pubblico del Teatro di Roma, che potrà rintracciare nella periferia romana del Quarticciolo la figura dell'inquieto adolescente shakespeariano, costruito attraverso poesie, pezzi rap e racconti degli abitanti del territorio, e arricchito dall'incontro con le loro esperienze e i loro contenuti. La performance affronta il tema dell'educazione sentimentale di Amleto (Rosencratz e Guildestern) e prevede la partecipazione dei cittadini impegnati già dai primi giorni di luglio in due laboratori: quello di canto, condotto dal maestro Massimo Sigillò Massara, e quello di recitazione e movimento, tenuto da Giorgio Barberio Corsetti. Le attività si sono svolte al Parco Tor Tre Teste, diventato scenario naturale che ha accolto il coro e le performance urbane, esplorando l'adolescenza usurpata di Amleto, a partire dai racconti dei partecipanti ai segreti ed enigmi della nostra città.
Oltre che dal vivo, dal 27 luglio fino al 14 agosto (ogni lunedì, martedì e venerdì) su #TdrOnline, l'esperienza del Cantiere Amleto risuonerà anche nelle "sale" digitali del Teatro di Roma, attraverso la restituzione di video, poesie e brani realizzati dai ragazzi che hanno preso parte al processo di creazione rispondendo chiamata pubblica rivolta ai giovani under25.
L'Amleto, prossima produzione del Teatro di Roma con la regia di Giorgio Barberio Corsetti, in programma nella prossima primavera, non sarà semplicemente uno spettacolo, ma il risultato di un lungo percorso in cui in questi mesi saranno i giovani delle periferie romane a prendere parola: il racconto delle loro vite vissute, i desideri, le aspirazioni, le utopie, ma anche la rabbia, il senso di rivolta e di cambiamento, il sogno di una città diversa. A seguito di una call lanciata a giugno, il Cantiere Amleto ha preso avvio attraverso incontri e laboratori con la cittadinanza di tutte le età e, in particolar modo, con i ragazzi.
Da questo percorso nascono tre performance, che andranno in scena all'aperto nei dintorni dei Teatri di Cintura: dopo Quarticciolo, infatti, il lavoro proseguirà facendo una doppia tappa a Tor Bella Monaca, in cui si affronterà l'adolescenza di Amleto, in collaborazione con il Teatro di Tor Bella Monaca; mentre a Ostia, il lavoro si concentrerà sul tema di AmletoAmlodi e il suo mulino: l'ingresso al Regno dei Morti, in collaborazione con il Teatro di Ostia; fino a rientrare nel cuore della città, sulle tavole del palcoscenico del Teatro Argentina, dove il Cantiere Amleto si concluderà con il debutto dello spettacolo che, a partire dall'esperienza di questi mesi, farà ritorno al testo di Shakespeare e al tema del teatro.

L'Amleto del Teatro di Roma è un lungo viaggio dentro Roma e attraverso le sue periferie e i suoi abitanti, fatto di incontri, partecipazione e riflessioni sulla città, con attraversamenti urbani, performance, eventi e attività laboratoriali, sempre sul confine tra teatro e altre arti. L'Amleto di Giorgio Barberio Corsetti si aggira «per la città, ma Elsinore è Roma, una città sconfinata, stretta alla vita dal raccordo anulare, da cui ne straborda il ventre molle e informe. Una Roma costellata di crimini impuniti e storie segrete, una Roma in cui il tessuto mitico si confonde con il reale degradato. Molti Amleti hanno preso vita nelle cronache prima di arrivare a Shakespeare. E altri Amleti, dopo Shakespeare, prendono vita ogni giorno nei ragazzi nel momento del loro passaggio alla vita adulta – commenta Corsetti – Mai come ora è potente per i giovani la domanda sui Padri: è necessario sostituirsi a loro? Per diventare adulti si deve perseguire una vendetta come quella imposta ad Amleto dal fantasma del padre? Si deve commettere un crimine?».

VERSO IL RITORNO 

STAGIONE ESTIVA 2020 DEL TEATRO DI ROMA
Venerdì 31 luglio 2020 (ore 18.30) a Parco di Tor Tre Teste

Appuntamento dal vivo con l'apertura pubblica dell'esito finale 
del laboratorio condotto da Giorgio Barberio Corsetti e Massimo Sigillò Massara
Cantiere Amleto o la gioventù usurpata.

Cos'è la città se non la sua gente?
Shakespeare, Coriolano

Dal 27 luglio fino al 14 agosto su #TdrOnline
volti e parole di alcuni dei tanti Amleti che in queste settimane hanno risposto
alla chiamata pubblica del Teatro di Roma rivolta ai giovani under25.

Un progetto del Teatro di Roma – Teatro Nazionale
in collaborazione con Teatro del Lido di Ostia, Teatro Biblioteca Quarticciolo e Teatro Tor Bella Monaca

L'INIZIATIVA FA PARTE DEL NUOVO PALINSESTO DI ROMA CAPITALE ROMARAMA

Evento gratuito

Maggiori info:
Facebook: @teatroargentinaroma @teatroindia @teatrovillatorlonia
Instagram: teatrodiroma
YouTube: Teatro di Roma
info

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli