Gli avvenimenti si svolgono in ordine atemporale e quasi surreale

Due malviventi fuggiti a una tragica sparatoria ricevono un'inaspettata telefonata che precede l'ingresso di un terzo personaggio dal nome Lived. Il nuovo arrivato è appassionato di “Paperino”, ma, a dispetto dell'innocua apparenza, promette ai protagonisti una lauta ricompensa e la sua incondizionata protezione in cambio di un favore. La richiesta di sparare a due uomini dentro a una stanza attigua e in tutto identica a quella in cui si trovano i due balordi viene soddisfatta, ma presto sulla scena inizia a prendere forma una situazione paradossale di cui i protagonisti sono vittime. Come se una pellicola venisse riavvolta e riavviata, le battute vengono ripetute ossessivamente, lasciando lo spettatore sbigottito di fronte all'indeterminatezza degli eventi. Alcune volte le cose non sono proprio come sembrano...Qual è la fine e quale l'inizio di un cerchio? Una sparatoria, una stanza vuota, un uomo e una donna, un calendario che segna sempre la stessa data, un incarico misterioso, un uomo ancora più misterioso, i dubbi, gli spari, una porta che si apre...Tre personaggi: la loro vita o la loro morte? forse l'eternità. Una storia dell'assurdo con forti tinte di giallo dove, come nella vita reale, il legame fra bene e male diventa indefinibile, come l'inizio di un cerchio.

Gli avvenimenti si svolgono in ordine atemporale e quasi surreale. L’opera si apre con un monologo introduttivo di grande intensità. I due personaggi “principali” entrano in scena: il giorno prima sono usciti illesi per miracolo da una sparatoria, la polizia li cercava, non sapevano come nascondersi, fin quando il telefono, da anni fuori uso, inizia a squillare. Il dubbio si insinua tra loro. Qualcuno ha tradito.E la situazione diventa troppo familiare per non essere già stata vissuta ...


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma