Una riscoperta di noi stessi e di ciò che ci circonda

Il 12 novembre 2012. È notte. L’Albenga si trasforma in fango e travolge uomini, animali, piante, automobili. Un intero territorio devastato, ferito. Inizia, da quel giorno, a fare i conti con gli infangati, con chi ce l’ha fatta ma ha perso tutto, con un territorio ferito, trasformato nei confini e nella geografia.

“Non potendo scegliere, da quel fango mi sono lasciata abitare. Ho osservato, ascoltato. Partendo dalla mia casa, e dalle mie geografie, per farne un racconto universale e di comunità. Mi sono messa in ascolto”. Elena Guerrini

In anteprima nazionale al Teatro Due Roma, #dellalluvione è una maschera viscerale e sofferente, ma anche allegra e grottesca di una donna che racconta alluvioni reali e metaforiche, partendo dalle testimonianze raccolte dall’attrice che ha incontrato la popolazione colpita da quel disastro ambientale.

Narrazione dove il fango è presenza reale e simbolica, testimonianza diretta che diventa racconto universale e immancabile riflessione sul “fango” che travolge la vita culturale di un paese di “alluvionati dentro” dove i teatri chiudono e aumentano le trasmissioni di cucina, travolti da veline e manager di grandi eventi.

“È il fango delle relazioni, della cultura che spinge all' urgenza ultima del nostro fare teatro,

teatro che si fa confronto e agorà con la comunità. #dellalluvione è un atto di speranza perché dal fango si può uscire, perché il fango può diventare luce ricreando quella Polis che insieme ascolta, reagisce e si fa teatro”. Elena Guerrini.

Alcuni frammenti dello spettacolo sono stati scelti per il documentario collettivo firmato da Gabriele Salvatores “Italy in a Day” presentato alla 71esima Mostra del Cinema di Venezia.

Incontro con il pubblico: venerdì 20 Marzo, dopo lo spettacolo, Elena Guerrini dialoga con la giornalista Letizia Bernazza.

Teatro Due Roma

teatro stabile d’essai

Anteprima nazionale

#DELLALLUVIONE

scritto, diretto e interpretato

da Elena Guerrini

produzione Davide di Pierro

Creature Creative

#dellalluvione di Elena Guerrini è una riscoperta di noi stessi e di ciò che ci circonda, del desiderio di parlare delle nostre “alluvioni interiori”, di ciò che ci succede, del “fango” in noi e fuori di noi, dell'ambiente che rispecchia il nostro essere profondo. Jung, non a caso, definisce l'alluvione come viatico

per la riscoperta dei propri luoghi e della propria anima.

Letizia Bernazza (Limina Teatri)

ELENA GUERRINI

Attrice, autrice, regista, narratrice di teatro civile, laureata al D.A.M.S di Bologna.

Ha fatto parte come attrice-creatrice della Compagnia di Pippo Delbono dal 1997 al 2008, da Barboni a Urlo.

Nel cinema ha lavorato con registi come: Pupi Avati, Pappi Corsicato, Giuseppe Bertolucci, Alfonso Arau.

Allieva di Giuliano Scabia e Gerardo Guccini lavora sulla drammaturgia biografica.

Da cinque anni, porta avanti un percorso autonomo fra teatro, natura, scrittura e memoria.

Conduce presso scuole e teatri, laboratori di scrittura creativa e teatrale.

Le sue creazioni tutte diventate romanzi:

Orti Insorti, ed. Stampa Alternativa.

Bella Tutta, I miei grassi giorni felici, ed. Garzanti

È ideatrice e direttrice artistica di MAV, Maremma a Veglia col baratto, giunto alla sua 8° edizione, festival di teatro e musica unico al mondo che si svolge nei poderi della Maremma, dove ci si porta la sedia da casa e il biglietto di ingresso si paga in natura, con olio, vino, formaggio e prodotti della terra. Il festival ha ospitato in questi anni: Marco Paolini, Iaia Forte, Moni Ovadia, Simone Cristicchi, Ginevra di Marco.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma