Lo spettacolo ha debuttato al festival delle Colline Torinesi a giugno 2016
e al Festival di Castiglioncello a luglio 2016 e arriva a Roma per la prima volta.

MUJERES SOÑARON CABALLOS uno dei testi più riusciti e rappresentativi dell'opera di Daniel Veronese, presenta una qualità di ambiguità e di mistero nella scrittura ed un andamento strutturale abbastanza particolare, tali da richiedere una breve esplicazione per facilitarne la lettura. Innanzitutto l'architettura dell'opera contiene uno sfasamento temporale: le scene o quadri sono 5, ma non sono in ordine cronologico, la prima scena (se vogliamo seguire e comprendere l'andamento della vicenda in senso lineare) è la 3 seguita poi dalla 1 e dalla 2 e poi le altre: cioè riassumendo la sequenza 3, 1, 2, 4, 5. Lucera, il personaggio più giovane, con i suoi monologhi che provano a ricostruire dolorosamente la sua memoria, aiuterà anche a ricostruire l'intera vicenda: Lucera è chiaramente una figlia di desaparecidos, una dei tanti figli di dissidenti tolti di mezzo durante la feroce dittatura militare che ha coinvolto l'Argentina tra il '76 e l"83, strappati alle famiglie originarie ed affidati ad altre famiglie vicine al regime. Ma questa verità terribile è nascosta dietro ad una situazione ordinario-familiare apparentemente normale: tre fratelli ritrovano con le loro rispettive mogli per un improvvisato pranzo che li riunisce. Bugie, tradimenti, sospetti reciproci, competizioni continue e ridicole si alternano in un'atmosfera contemporaneamente torbida e tragicomica, fino ad arrivare ad un finale inaspettato e catartico. La Storia però con Veronese (così come avviene per Cechov-grande classico molto amato dall'autore argentino), rimane all'orizzonte, sullo sfondo, indeterminata, il Politico o il Sociale a Veronese interessano fino ad un certo punto. L'attenzione è sulle relazioni umane, sulla violenza insita nelle relazioni stesse, sul desiderio che ci muove come burattini tirati da invisibili fili, sulle dinamiche banali e quotidiane che possono rivelare inaspettatamente un fondo di orrore.
Sull'uomo e sulla donna, sul maschile e sul femminile, su ciò che conta, come in Cechov, appunto.

Di Daniel Veronese
adattamento e regia Roberto Rustioni
con Valeria Angelozzi, Maria Pilar Perez Aspa, Michela Atzeni, Paolo Faroni, Fabrizio Lombardo, Valentino Mannias
assistente alla regia Soraya Secci
scene e costumi Sabrina Cuccu
assistente scenografo Sergio Mancosu
luci Matteo Zanda
foto Alessandro Cani

Una co-produzione Fattore K – Sardegna Teatro – Festival delle Colline torinesi
con il sostegno di Fondazione Olinda Teatro La Cucina

Informazioni, orari e prezzi

9-10-11 marzo h 21
domenica 12 marzo h 19

Biglietto unico 10 euro
consigliata la prenotazione via mail a prenotazioni@angelomai.org

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli