Prima opera della regista emergente lituana Kamilé Gudmonaité

Il Teatro di Roma accoglie nell'ambito di mondi in scena, il segmento di Stagione che ci fa strada tra i valori, la storia e le nuove identità della scena internazionale, DREAMSPELL, la prima opera della regista emergente lituana Kamilé Gudmonaité dal Sogno di Strindberg, in scena il 23 e il 24 ottobre al Teatro India.
Lo spettacolo Dreamspell è l'esordio di Kamilé Gudmonaité, studentessa del corso di regia teatrale dell'Accademia Lituana di Musica e Teatro. Lo spettacolo è stato presentato in concorso all'edizione 2014 del festival di Spoleto, dove ha vinto il primo premio nella categoria European Young Theatre. Nel 2015 lo spettacolo si è aggiudicato due premi - per la regia e il premio della Student Jury - al festival internazionale Encounter, svoltosi nella città di Brno, in Repubblica Ceca.
I creatori dello spettacolo Dreamspell affrontano i problemi fondamentali dell'identità dell'uomo nel mondo che qui, nel sogno, prende la forma di una scuola grottesca. "Due per due" diventa la domanda sull'essenza della vita, e il pensiero pronunciato con le parole perde una parte della verità o rischia di semplificarla. È una lotta tra la logica e il lato irrazionale dell'essere umano, di cui si ha così tanta paura nel nostro mondo "sano". Lo spazio e il tempo non esistono. I personaggi fantasmagorici tentano di aprire la porta, e in ogni persona viene crocifisso il proprio Cristo. In quella sottile linea che divide il sogno dalla veglia si avverano i pensieri più profondi, non soggetti alla logica della quotidianità. Che cos'è questa porta? Forse la porta non esiste? Due per due davvero fa quattro? Ed è possibile contare fino all'infinito?


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma