"Per me il lockdown non è finito" è l'evocativo e significativo titolo della campagna di sensibilizzazione del FIABADAY 2020 presentata in conferenza stampa  presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e che ha visto tutti i relatori concordi per il massimo impegno affinché nessuno, a causa di barriere architettoniche, debba vivere il lockdown.

Il Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri Roberto Chieppa ha dichiarato "La Presidenza del Consiglio dei Ministri partecipa con orgoglio all'organizzazione del FIABADAY, per sensibilizzare sul tema dell'abbattimento delle barriere architettoniche e sull'inclusione delle persone con disabilità e a ridotta mobilità.
L'anno scorso avevamo espresso la volontà di costituire un ufficio per le politiche a favore delle persone con disabilità. Oggi quell'ufficio è una realtà, grazie al quale stiamo riuscendo a superare le frammentazioni del passato".

Il Consigliere del Presidente del Consiglio dei Ministri in tema di disabilità Giuseppe Recinto: "Un momento di grandi trasformazioni come questo pone le persone con disabilità in una situazione di incertezza. Tuttavia, la creazione di un ufficio per le politiche a favore delle persone con disabilità presso la PCM dimostra la volontà di avere ben presente e in maniera concreta il problema, sempre nella prospettiva di considerare la persona con disabilità nella sua complessità. L'impegno è massimo per far sì che il lockdown, inteso come condizione di chiusura nelle abitazioni, non torni più per nessuno".

La Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti " Oggi ciascuno di noi sa cosa voglia dire non poter uscire di casa o raggiungere liberamente un luogo. Dall'esperienza del lockdown nasce in maniera forte la necessità di riprogettare spazi e luoghi. Occorre dar corso a provvedimenti di decontribuzione, perché un'opera che abbatte le barriere architettoniche è un'opera che sta investendo e costruendo un elemento di innovazione sociale, economica e umana, e quindi è un pezzo di contributo che quella realtà sta dando alla collettività. La presenza costante di FIABA è fondamentale non solo a sollecito delle istituzioni, ma anche come elemento di connessione di un sistema che deve farsi prossimo costruendo reti solide in prospettiva".

Il Presidente di FIABA Onlus Giuseppe Trieste "La situazione d'emergenza della pandemia ha fatto capire alla totalità delle persone, ciascuna nella propria diversità, che il tema dell'abbattimento delle barriere architettoniche è di tutti noi per cui rendere i condomini e le città accessibili è un bene comune cui non possiamo rinunciare"

All'incontro erano presenti tra gli altri la Senatrice Paola Binetti, il Disability Manager di Roma Capitale Andrea Venuto, l'Onorevole Maria Teresa Bellucci - XII Commissione Affari Sociali e i rappresentanti del comitato d'onore di FIABA onlus.

La XVIII edizione della "Giornata Nazionale per l'Abbattimento delle Barriere Architettoniche – FIABADAY" si svolge in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e si celebra domenica 4 ottobre 2020.

Come consuetudine anche in questa edizione l'evento più significativo si tiene, sempre domenica 4 ottobre, in piazza Colonna a Roma dove, sul palco appositamente realizzato, dalle 10 del mattino si alterneranno incontri, seminari, dibattiti, momenti ludici e di svago. Nella stessa giornata si terranno visite guidate a Palazzo Chigi riservate alle persone con disabilità, ai bambini, agli anziani e loro accompagnatori.

La campagna di sensibilizzazione. "Per me il lockdown non è finito",
Nell'immaginario collettivo le barriere architettoniche fanno immediatamente pensare alla persona in carrozzina. In realtà chiunque incontri barriere o problemi negli spostamenti è definito come Persona a Ridotta Mobilità (PRM): una categoria molto estesa in cui rientrano persone con disabilità permanente o temporanea, anziani,persone che accompagnano bimbi piccoli o con problemi di orientamento, difficoltà d'apprendimento o con disagi intellettivi o relazionali, persone di bassa statura o che si muovono con bagagli pesanti o ingombranti, donne in stato di gravidanza, ecc. Per tutte queste persone un gradino in più o in meno, un dislivello o una rampa di scale, ascensori non funzionanti o con cabine troppo piccole, possono davvero fare la differenza. La legge 13/1989 "Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati" a più di trent'anni dalla sua promulgazione non è risultata sufficiente a rendere la maggior parte delle abitazioni effettivamente fruibili e confortevoli per tutti. Il FIABADAY 2020 vuole portare all'attenzione delle organizzazioni che andranno ad esercitare la riqualificazione degli edifici e delle organizzazioni sindacali che rappresentano gli amministratori di condominio, un programma di sensibilizzazione condiviso atto ad ottenere l'abbattimento anche di una singola, minima, barriera.

L'edizione FiabaDay 2020 si svolge con il patrocinio di: Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero della Giustizia, Ministero della Difesa, Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministro per l'Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, Dipartimento per le politiche europee, Regione Lazio, Roma Capitale, Rai per il Sociale, Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, Consiglio Nazionale degli Ingegneri e Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati.

e con il sostegno di : Inail - Novartis  - GEOWEB - Adr Assistance - Leonardo - Bancomat - Rfi-Rete Ferroviaria Italiana Gruppo Ferrovie Dello State Italiane - Cbi S.C.P.A. - 24ore Business School - Acea - Mcl-Movimento Cristiano Lavoratori - Udilife - Anpit - Mes - Un.I.O.N. - Indaco Architetti - Veloce Ristrutturare - Guidosimplex - Isnow - Anthai Onlus

FIABADAY 2020
XVIII GIORNATA NAZIONALE PER L'ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE
Medaglia del Presidente della Repubblica
in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri

FIABA onlus ha come obiettivo la promozione dell'eliminazione di tutte le barriere fisiche, culturali, psicologiche e sensoriali per la diffusione della cultura delle pari opportunità a favore di un ambiente ad accessibilità e fruibilità totale secondo i concetti di "Design for all" e "Universal Design". Nel 2002 si presenta alle istituzioni pubbliche e private presso la sede del CNEL, Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro e nel 2008 con un provvedimento del Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali l'attività di FIABA viene riconosciuta di "evidente funzione sociale". La MISSIONE di FIABA è quella di promuovere presso le istituzioni pubbliche e private e nell'opinione pubblica l'idea della Total Quality, la qualità totale che, se applicata all' intera società, permette di arrivare ad una vivibilità dell'ambiente ottimale per tutti. Suo presidente è Giuseppe Trieste, Grande Ufficiale al merito della Repubblica italiana.

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli