Due corpi tenuti uniti da un fortissimo odor di rose

Due cuori, due anime, due poltrone e tante, tantissime rose che emanano un forte odore insostenibile. È in questa corniche apparentemente conciliante che si sviluppa la vicenda di Filumena Marturano e Domenico Soriano, due corpi tenuti uniti da un fortissimo odor di rose che li serra e segrega in una dimensione olfattiva all'interno della quale deraglia ogni tentativo di respiro. L'aria, in questa versione "a due" del dramma eduardiano, è irrespirabile, tutto è avvolto da un'esistenza "petalosa" e narcotizzante che avvolge e tiene uniti i due corpi quasi fossero stretti in un abbraccio claustrofobico che non protegge, ma soffoca e uccide. È tutto estremamente "stretto" in questa "Filumena Marturano", tutto è immobile, bloccato, i movimenti sono ridotti al minimo, ci si muove solo per alzarsi o per sprofondare dalle poltrone, teche domestiche e bare foderate in pelle dove si consuma una noia quotidiana e coniugale. "Filumena Marturano" è una bomboniera troppo profumata che, una volta aperta, lascia che l'aria si riempia di germi che colpiscono i cuori, bloccano il respiro e lasciano che tutto si assopisca in un sonno profondo dove la vita stessa trova, inesorabilmente, la propria fine.

CON
Rossella Rhao
Gianpiero Cavalluzzi

REGIA
Ivano Capocciama


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma