Esiste un rapporto tra la nostra idea di realtà e la costruzione fittizia che ne facciamo quotidianamente?

Grande attesa al Teatro L'Aura per FRAGMENTS monologo di Ivan Festa in scena dal 12 al 22 aprile 2018.

Esiste un rapporto tra la nostra idea di realtà e la costruzione fittizia che ne facciamo quotidianamente? Quale vita costruiamo, che parte attiva abbiamo in essa? quale è il nostro ruolo? E soprattutto perché ho la sensazione che l'unico atto che ci viene concesso e che già comprende gli avvenimenti futuri è solo il principio o un continuo inizio? Possibile che la natura stessa dell'universo rifletta perfettamente le vite di ognuno? E il teatro in tutto questo cosa c'entra?

Sono tante le domande che popolano le nostre menti compreso quella dell'autore.

Siamo sempre tentati a comporre pensieri compiuti quando li mettiamo nero su bianco, raccontare e trovare un senso a volte può diventare un'ossessione.

Lo spettacolo invece, in qualche modo, svela il processo creativo di un'opera e del suo autore che umoristicamente dovrà arrivare ad ammettere che alcuni quesiti dovranno restare irrisolti, accettandone i limiti.

Ivan Festa spiega questo spettacolo con poche parole: "FRAGMENTS prende in prestito alcuni inizi da Harold Pinter e Martin Crimp per farne monologo, permettendomi di ripetere" e "accettare" la vita senza la necessita di "costruire" continue e nuove false realtà, finta materia".

Questo monologo narra una o tante possibili vite traducendo in spazio la forma con cui si espande naturalmente l'universo, il disordine.

Così l'attore sará libero di condurre questo viaggio che non intende fornire riposte, ma alimentare vicende volutamente lasciate sospese, dove ognuno potrà  riflettere la propria esperienza o il proprio giudizio, Compreso ammettere di dover accettare , l'opera così come è nata, incompiuta.


Parteciperai? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma