Uno squarcio esistenziale vestito da donna.
Un monologo costruito sulla parola e sul suono della gestazione.
Donna come essenza del Mondo, come risoluto atto rivoluzionario, ma anche come madre sognatrice, come umorale sentire, come difesa ultima dalla bruttura che ci circonda.
Un testo come frammento di pensiero, scheggia di coscienza; come una sosta durante il viaggio.

E il flusso è aperto, libero, non costruito e non meditato, ma soltanto vero.

Il vero "frammento" è nella voce che ti cattura, nella musica che ti rapisce, nell'insieme che ti porta metaforicamente sul palco per lasciarti con la consapevolezza di aver bisogno di tutti i frammenti per ricomporre il tutto.

"....E' un'opera intrigante, da ascoltare e riascoltare per cogliere sempre nuove sfumature: sofisticata come un brano di Duke Ellington, genuina come il Piccolo Principe, riflessiva come uno scritto di Heidegger, attuale come la decrescita di Latouche, liquida come gli scritti di Bauman..."
(RomaSera- L.Salvadori)

"...'Lei', donna, amante, madre, ancor prima è femmina, per quella sorta di divinità che tutta la investe e la stravolge nel momento in cui è partecipe della 'creazione'. L'illusoria 'verità' contenuta nel testo scabro quanto essenziale, paragonabile alla figura stessa dell'interprete, lascia basiti, immobilizza, perché scava profondamente in ciò che non si è mai voluto affrontare della insostenibilità dell'essere. ..." (Di Giorgio Mancinelli - La Recherche)

Con Natachà Daunizeau, voce, interpretazione, regia Marco Colonna, clarinetti, testo

Informazioni, orari e prezzi

Ore 18.30

Info e prenotazioni SMS:
tel. 331 8106452

Prenotazione obbligatoria con pretesseramento online
(tessera offerta per Frammento) -> www.spaziottagoni.com/associazione

Ingresso:
14 euro, tessera associazione inclusa

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli