Uno spettacolo di e con Gabriele Lavia da Jacques Prévert

Tra citazioni colte (da Magritte a Presley, da Picasso ai Beatles, da Heidegger a Hopper), Lavia ci "illumina" – anche solo per pochi istanti, quelli che servono per 'tre fiammiferi uno dopo l'altro accesi nella notte / il primo per vederti tutto il viso / il secondo per vederti gli occhi / l'ultimo per vedere la tua bocca' – con il chiarore della poesia. Due ragazzi si amano e si baciano al tramonto. La gente che passa, vedendoli, li disapprova indignata, ma loro non notano nulla, non ci sono per nessuno, vivono esclusivamente nel loro primo amore. Perché l'amore tra due giovani deve essere disapprovato, come se fosse qualcosa di proibito? Forse, perché i giovani hanno ancora il coraggio, che deriva dall'incoscienza o dall'innocenza dei loro anni, di manifestarlo liberamente, di viverlo come amore.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma