Un omaggio a due figure che hanno saputo interpretare sino alla fine il ruolo di "servitori dello Stato": Borsellino e Falcone

A Palermo, il giudice Borsellino, dopo la morte del suo fraterno amico e collega Giovanni Falcone, non rinuncia a proseguire nell'opera di indagine contro i corleonesi, esponendosi ad un attentato che arriverà puntuale, come il tradimento dei vertici dello Stato che non fanno nulla per rimuoverlo da una sede che si rivelerà mortale per questo coraggioso Magistrato e per gli uomini della sua scorta nella strage di via D'Amelio.

Lo spettacolo rende omaggio a due figure che hanno saputo interpretare sino alla fine il ruolo di "servitori dello Stato" con una dignità e con una "onestà di principi" fuori dal comune.

Il riferimento all'"Agenda rossa di Paolo Borsellino", alle dichiarazioni della famiglia del Magistrato, 25 anni dopo, alle assurde affermazioni del giudice Sagunto e dell'inafferabile "Corvo" costituiscono l'ossatura degli spunti che sono stati utilizzati per costruire questo ennesima testimonianza di "Teatro di denuncia" di cui è significativa esponente la Compagnia Stabile Assai, come noto patrimonio artistico della Presidenza nazionale dell'AICS che, da sempre, ne sostiene le vicende.

"IL CORAGGIO DELLA LEGALITA': PAOLO BORSELLINO"

adattamento scenico e regia di Antonio TURCO e Cosimo REGA con i contributi scenografici e di sceneggiatura di Cosimo REGA e Tamara BOCCIA

è lo spettacolo della stagione 2017/2018 della Compagnia Stabile Assai.

"Giovanni Falcone e Paolo Borsellino si identificano con la scelta di due personaggi di non indietreggiare di fronte alla "certezza della morte".

GLI ATTORI:

COSIMO REGA, Clara MORLINO, Alfonso CARFORA, Arcangelo IANNACE, Tamara BOCCIA, Angelo CALABRIA

MUSICISTI:

Paolo PETRILLI fisarmonica; Gian Franco SANTUCCI voce e tammorra;

Antonio TURCO chitarra; Roberto TURCO basso e chitarra; Lucio TURCO batteria


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma