Francesca Reggiani a teatro con uno spettacolo imperdibile!

Il futuro di una volta ci avrebbe sollevato dalla fatica del lavoro grazie alle nuove tecnologie create per alleggerire le nostre esistenze. Oggi, queste tecnologie, alleggeriscono i nostri portafogli e grazie a queste tecnologie veniamo licenziati.

Il futuro di una volta ci avrebbe reso liberi dalla schiavitù dei preconcetti che regnavano sul sesso. Oggi, il sesso viene vissuto attraverso gli imperativi della trasgressione e le regole della perversione che ci hanno imposto una schiavitù ancora peggiore perché ci fa illudere di essere liberi. Il futuro di una volta ci avrebbe fatto vivere senza essere costretti ad accontentarci di poco. Oggi siamo condannati a non accontentarci mai. E anche vivere, ci sembra poco.

Il futuro di una volta ci diceva che dietro la sofferenza, c’era la speranza di vedere, un giorno, realizzati i nostri desideri. Oggi, la delusione, ci ha insegnato che l’unica speranza che abbiamo per non soffrire è quella di non avere desideri.

Il futuro di una volta urlava a gran voce la voglia di cambiamento e di una nuova classe politica che avrebbe lavorato per i più deboli, per la pace, per la giustizia e per la stabilità. Oggi chi urla a gran voce è proprio questa nuova classe politica, arrogante e incompetente che ha prosperato nell’ingiustizia, ha detto ai più deboli di mettersi l’animo in pace e ha fatto capire a tutti che questa è l’unica stabilità.

Francesca Reggiani

Si diploma presso il "Laboratorio di esercitazioni sceniche" di Gigi Proietti e esordisce in televisione nel programma La tv delle ragazze. Successivamente fa parte del cast del programma comico Avanzi in onda tra il 1991 e il 1993 su Rai 3. Per lo stesso canale partecipa alla trasmissione Tunnel, mentre per Canale 5 interpreta entrambe le stagioni della serie Caro maestro (1996 e 1997). Passa successivamente a Rai 2 nei programmi Disokkupati, La posta del cuore e, per finire, a Convenscion.

Nel biennio 2002-2003 fa parte del cast della trasmissione Cocktail d'amore in onda in seconda serata su Rai 2. Parallelamente esercita la professione anche a teatro, in particolare firma il monologo Non è Francesca nel 1992 per poi proseguire nella stesura e direzione di altre opere, tra le quali Agitarsi prima dell'uso (1994), Strati d'animo (1999), Punti di vista (2000) e Patty e tutte le altre (2002). Annovera inoltre alcune partecipazioni cinematografiche, tra cui spicca la partecipazione al film Intervista di Federico Fellini.

Nel 2005 partecipa come concorrente al programma televisivo Ballando con le stelle. Successivamente è nel cast delle fiction Lo zio d'America 2 (2006) e Medicina generale (2007), entrambe trasmesse su Raiuno. Nel 2006 vince il Delfino d'oro alla carriera (Festival Nazionale Adriatica Cabaret). Dal 3 febbraio 2011 affianca Alba Parietti (della quale, all'epoca di Avanzi, faceva la parodia) nel suo nuovo programma Alballoscuro, in onda su LA7d. Sempre nel 2011 partecipa anche al nuovo programma comico di Rai 2 Base Luna.

Nella stagione 2010-2011 è tornata inoltre a lavorare con Serena Dandini partecipando all'ultima edizione del programma Parla con me in onda in seconda serata su Rai 3. Nel 2012 lavora ancora con Serena Dandini nel nuovo programma satirico The show must go off in onda su LA7 il sabato in prima serata. Nell'ottobre 2013, ospite del programma radiofonico Ottovolante su Radio 2, la Reggiani, imitando Sophia Loren, partorisce una battuta infelice su Napoli che suscita inevitabilmente grosse polemiche.[1][2]


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma