Una riflessione sull'azzardopatia

Dal 21 al 23 febbraio è di scena al Teatro Tor Bella Monaca IL GIOCO DI MARIO, di Alioscia Viccaro, con Anastasia Astolfi, Alioscia Viccaro, Federico Vigorito, regia di Federico Vigorito.

Per capire l'importanza del fenomeno della azzardopatia – la dipendenza dal gioco d'azzardo – argomento purtroppo poco conosciuto e ancor meno pubblicizzato, soprattutto dai media, basterebbe sapere che un milione di italiani rischiano in modo serio un coinvolgimento patologico in questa dipendenza. Prendendo spunto da questo dato e da un'esperienza personale dell'autore, è nata l'idea di mettere in scena Il gioco di Mario, la storia di un uomo che precipita nel gorgo della dipendenza dal gioco d'azzardo. Il tema dello spettacolo, in forma non dissimile dalle altre dipendenze affonda le sue radici nella complessità del nostro quotidiano. Così, nella vicenda de Il gioco di Mario troviamo raccontate, insieme alla lenta e inesorabile discesa nella dipendenza dal gioco d'azzardo, anche le crisi di coppia, le difficoltà del lavoro precario, le complicazioni delle relazioni di amicizia e sociali, a tratti con risvolti a comici inaspettati. In questa condizione drammatica, Mario avrà anche l'occasione del riscatto.

Il Gioco di Mario

di Alioscia Viccaro

con Anastasia Astolfi, Alioscia Viccaro, Federico Vigorito

regia Federico Vigorito

Seven Cults


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma