Uno spettacolo contro la mafia

"Roma è una città difficile. Questo grande successo, con il tutto esaurito, mi fa credere che il tema del nostro spettacolo sia molto sentito anche qui. Perché la mafia, di cui noi raccontiamo solo le origini, è un fenomeno drammaticamente nazionale." Ninni Bruschetta

Dopo il sold out di tutte le otto repliche al Teatro Brancaccino, martedì 31 marzo torna a Roma - a grande richiesta - il gioiello teatrale contro la mafia "Il mio nome è Caino", interpretato con grande pathos dal noto attore e regista Ninni Bruschetta (I cento passi, Boris, Quo Vado? Distretto di Polizia, Paolo Borsellino, I bastardi di Pizzofalcone,...) insieme alla pianista, compositrice e direttore d'orchestra Cettina Donato, che per lo spettacolo firma anche le musiche e gli arrangiamenti.  

Sarà Il Teatro Sala Umberto di via della Mercede ad ospitare la nuova replica dello spettacolo ispirato all'omonimo romanzo di Claudio Fava, edito da Dalai Editore nel 1997 e da Baldini e Castoldi nel 2014. 

Bruschetta veste i panni del protagonista "Caino", un killer di mafia "fuori dalla cronaca, costruito interamente all'interno della coscienza", così come lo ha definito la regista Laura Giacobbe, che così commenta il successo di pubblico della tournée italiana: "Questa grande partecipazione del pubblico sta mostrando, replica dopo replica, come la drammaturgia affilata di Claudio Fava e il rigoroso lavoro attoriale di Ninni Bruschetta abbiano portato all'attenzione degli spettatori un modo diverso di rappresentare la mafia. A partire da quel soprannome archetipico, "Caino", e dalle esecuzioni "disinteressate" e amorali del killer, riusciamo a intuire un livello più nascosto, profondo e forse poco esplorato della violenza mafiosa."

Prodotto da Nutrimenti Terrestri, "Il mio nome è Caino" è specchio dinamico e lucido dell'essere e del fare mafioso e si intreccia alle musiche di Cettina Donato: due brani editi insieme a composizioni inedite scritte per sostenere il racconto di Caino. Frutto di uno studio condiviso con Ninni Bruschetta, la colonna sonora dello spettacolo è eco della freddezza quanto dell'umanità del personaggio, sostenendo le modulazioni emotive con contaminazioni classiche, popolari e jazz. 

Cettina Donato: "La colonna sonora è un tutt'uno con la narrazione. Emoziona e allo stesso tempo scuote lo spettatore, enfatizza la durezza del testo, oppure ridicolizza il personaggio. Le note accarezzano Caino e poi lo disprezzano, lo esaltano e lo incoraggiano, e poi lo ridicolizzano."

La collaborazione artistica tra Bruschetta e Donato è partita nel marzo 2017 ed ha registrato molti consensi di pubblico e critica, da "I Siciliani di Antonio Caldarella" a "Il giuramento" di Claudio Fava. Il lungo tour di "Il mio nome è Caino", che ha preso avvio a marzo 2019 da Messina, continuerà nei teatri e nei festival di tutta Italia inoltrandosi per tutta la primavera 2020. 


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma