Un piccolo/grande capolavoro della storia del teatro di tutti i tempi

La realizzazione dello spettacolo è di Michele Suozzo, personaggio molto conosciuto nell'ambiente musicale italiano per essere uno dei conduttori di una delle trasmissioni radiofoniche più longeve della storia della radio italiana, La Barcaccia, apprezzata da una larghissima parte degli appassionati musicali.

Fedele alla sua passione per il teatro, nel corso degli anni ha offerto spettacoli di grandissimo interesse rivolti in special modo ad un repertorio poco frequentato ma, certo, di grande interesse storico e teatrale; questa volta ci propone l'Isola disabitata di Metastasio, quello che possiamo definire un ‘piccolo/grande' capolavoro della storia del teatro di tutti i tempi.

E' una proposta che, in un certo senso, ribalta l'idea che il grande pubblico ha di Metastasio, vale a dire un'artista i cui capolavori sono legati a doppio filo con lo spettacolo d'opera, dove Poesia e Musica si incontrano per comunicare situazioni e stati d'animo ed offrire allo spettatore una rappresentazione scorrevole, godibile e coinvolgente; un modo di vedere il Teatro in Musica che ne costituisce uno dei pilastri principali sul quale è stato costruito lo sviluppo e l'affermazione dell'Opera.

Al giorno d'oggi sono piuttosto rare rappresentazioni di opere di Metastasio senza musica mentre ai suoi tempi, questa prassi era piuttosto diffusa. Ricordiamo il caso del capocomico Gaetano Casali che, a Venezia, propose una rappresentazione dell'Artaserse che piacque molto al pubblico del Teatro di San Giangrisostomo nella quale ebbe grande rilevanza la recitazione degli attori.

L'Isola disabitata fu commissionata a Madrid dai Borbone e ivi rappresentata il 31 Maggio 1753; pur essendo di piccole dimensioni, un'azione teatrale come è definita,contiene, in un certo senso, la sintesi della ‘drammaturgia' di Metastasio, dove l'azione è scorrevole e semplice ma decisamente efficace nel decrivere le caratteristiche di ogni personaggio e di ogni situazione teatrale.

Proprio una versione recitata ci darà la possibilità di assistere a qualcosa di inusuale che ci consentirà di comprendere ed apprezzare l'eleganza e la valenza ‘teatrale' di questi versi, utile a farci capire come la poesia di Metastasio sia ‘bivalente' e trovare esaltazione sia nella vocalità dei cantanti che nella recitazione degli attori.

Altro punto di interesse della serata è quella di poter assiste allo spettacolo in un gioiello architettonico come il Teatro di Villa Torlonia con la sua dimensione ‘familiare' un luogo certamente ideale per godere di un'opera letteraria di questo spessore poetico e drammatico.

Fabrizio Maria Garzi Malusardi ha curato elementi scenici e costumi mentre la rappresentazione avrà una cospicua parte musicale basata su composizioni di Mozart eseguite da Domenico Di Leo con la collaborazione di strumenti provenienti dal Conservatorio di Musica ‘Nino Rota' di Monopoli.

Azione teatrale di Pietro Metastasio

Con Dafne Barbieri, Caterina Carlucci, Francesco Ferrandina e Nicola Pensabene e con Mauro Melella e Rosario Salvato

Musiche di Wolfgang Amadeus Mozart, eseguite da Maria Cristina Bellantuono, Roberto Calamo, Matteo Erba, Giovanna Greco, Fabrizio Lillo e Katia Santoro.

Concertazione e direzione: Domenico Di Leo

Elementi scenici e costumi Fabrizio Maria Garzi Malusardi

Regia Michele Suozzo

La Chambre Magique

la Compagnia dei Giovani del Teatro dei Conciatori

Il Conservatorio di Musica "Nino Rota" di Monopoli


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma