Racconta, attraverso l'utilizzo delle sole mani nude – strumento d'odio e amore – una storia semplice

Dedicato a un pubblico dai 18 mesi ai 3 anni, La Brouille è una particolarissimo spettacolo di burattini. Al posto di manovrare dei pupazzi infatti, Nicolas Saumont e il musicista Yann Honore membri della compagnia Theâtre des Tarabates, scelgono di fare delle loro stesse mani le protagoniste di questa storia ispirata all'omonimo libro di Claude Boujon (edito in Italia da Babalibri). C'è una spiaggia e il cielo è blu. Due mani si sistemano in un angolo carino di terra, tutto va bene, ridono e giocano insieme ma pian piano le cose si complicano e finiscono per litigare. Costruiscono muri, si separano, si odiano a vicenda. Ma una nuova minaccia sembra profilarsi all'orizzonte e l'unico modo per affrontarla sarà quello di unire le energie. La Brouille racconta, attraverso l'utilizzo delle sole mani nude – strumento d'odio e amore – una storia semplice che ci parla della scoperta dell'altro, dei conflitti, dell'intolleranza e delle possibilità di riconciliazione.

Cosa c'è al centro di mondi differenti e, solo in apparenza, lontani? Per la trentatreesima edizione di Romaeuropa Festival al centro ci sono le storie, tutte le visioni e suoni dei suoi 300 artisti ospiti. Al centro c'è la danza, il teatro, l'arte visiva analogica e digitale, la performance e lo spettacolo dal vivo, come strumenti e mezzi in grado di mettere in comunicazione idee e realtà agli antipodi. Dal 19 settembre al 25 novembre quattro continenti convergono tutti al centro della città eterna, trasformando Roma nel cuore dello scambio tra mondi, tra diversità culturali e geografiche, che si amalgamano in una sola, grande narrazione, che noi chiamiamo Romaeuropa Festival 2018.

Appartiene ad un evento principale:


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma