Party Time di Harold Pinter

Racconta Harold Pinter: «Una sera mi trovavo ad una festa. Mi avvicino a due signore turche che stavano chiacchierando tra di loro: - Cose ne dite delle torture che avvengono tutti i giorni nel vostro paese? - Mi guardano sbalordire. - Torture? Quali torture? - Ma come? Non sapete che ogni giorno vengono torturati decine e decine di uomini nel vostro paese?... - Ma no vi sbagliate, solo i comunisti vengono torturati... -

Invece di strangolare le due signore lì per lì me ne tornai a casa e cominciai a scrivere. Party Time! »

Party Time è una commedia scritta nel 1991. All’interno di un party, tra fasti, risate, alcool e intrecci amorosi, un'upper class, separata da tutto ciò che accade all’esterno, come in una sorta di bolla di sapone, fa emergere nei suoi discorsi spensierati l'ansia irrefrenabile di potere. Fra un bicchiere e l'altro, scivolano vane parole di democrazia e di pace. Mentre nelle strade la polizia sta usando la violenza per ristabilire l’ordine costituito. Di tanto in tanto, Dusty chiede se qualcuno abbia visto suo fratello Jimmy; con insistenza suo marito Terry le dice di non parlare di questo argomento. In realtà, la retata che in quel momento si sta svolgendo fuori dal loro ridente salotto è stata ordinata proprio da alcune persone che si trovano al party.

A chiudere la commedia sarà Jimmy, unico testimone delle violenze e delle atrocità che i presenti si ostinano ad ignorare.

La regia di Marianna Galloni vuole sottolineare questo tratto fondamentale: la follia apparentemente razionale di chi detiene l’ordine sociale.

I visual effect di Rocco Buonvino sottolineano la dimensione metaforica di un racconto che parla anche di noi, con una video scenografia su fondo rosso e nero, studiata per ottenere l'illusione tridimensionale di un ambiente graficamente iperrealistico.

Gli spettatori, naturalmente, saranno accolti da un flut di champenoise.

DANILO VANELLA FRANCESCO SARMIENTO CLARA MORLINO GIULIA SUCAPANE LUISA BANFI FEDERICA FLAVONI RICCARDO PIERETTI FRANCESCO D’ASERO GIUSEPPE SPEZIA


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma