È il resoconto di una vita spesa male,  ove si ripercorre una parte importante di storia del Nostro Paese, raccontata dalla parte del torto, un uomo che non si redime nemmeno nell'attimo in cui l'occasione si presenta. Perché quell'occasione non è sufficiente. Non contiene speranza. Una solitudine forzata e non compresa dal soggetto in questione, che si incontra e scontra contro chi, invece, della solitudine ne ha fatto una scelta di vita per il bene comune della società, anche a prezzo della propria vita.
È un racconto che non vuole avere ragione, ma che profeticamente centra il bersaglio di una società odierna, e nel suo disappunto cela quella scintilla di cambiamento mal pronunciato.
Nel suo ostinato incedere funereo Palermo, e l'Italia, aspettano l'ennesimo eroe da sacrificare ai posteri: Perché la memoria e il cambiamento appartengono al passato, appartengono agli altri; sono atti di coraggio singoli, paralleli e momentanei che regalano ottimismo per un domani che non vuole vedere la luce. E allora si resta nell' attesa di una rivoluzione vigliacca che non ha più il coraggio di guardarti in faccia
Gli eventi narrati si svolgono fino al 2003, forse l'anno più buio dell'ultimo ventennio per il Nostro Paese.

Prenotazioni tel. 3334469061   

Ingresso 8 euro  

Ore 17 e 21

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli