La guerra raccontata da un reduce ad un ragazzo che raccoglie una testimonianza inestimabile

Sarà in scena al nuovo Teatro Studio di Via Assisi 33 - l'8 e 9 dicembre 2018, LA GUERRA DI PAULINUZZU MILLARTI di e con Andrea Puglisi, per la regia Benedetta Nicoletti.

"La guerra di Paulinuzzu Millarti" nasce da una piccola magia; quella che accade quando il protagonista dei fatti narrati, il signor Paolo Montalto, incontra quello che sarà autore del testo e suo interprete in scena, Andrea Puglisi. Giunto alla soglia dei cento anni, il signor Montalto racconta la sua guerra, e raccontando torna Paolino ventenne, catapultato in un incubo di cui non conosce lo scopo. Puglisi raccoglie la sua testimonianza inestimabile, che racconta di anni lontani ma di storie troppo vicine: nostalgia di casa, la rabbia, gli amori fugaci, i fantasmi dei compagni caduti; e con infinito rispetto e generosità, diventa a sua volta Paolino.

 

Note di regia di Benedetta Nicoletti

Le guerre sono abituate a nascondersi dietro ai grandi numeri: le migliaia, le centinaia di migliaia di vittime sono concetti troppo grandi; restano anonimi, inafferrabili, rassicuranti nella loro opacità. La guerra che vogliamo raccontare è invece quella che passa attraverso gli occhi di un uomo, quella che non oltrepassa il suo campo visivo ma che certo oltrepassa il suo cuore, che non sapeva di poter sopportare tanto. Dagli occhi di un reduce che riesce a tornare a casa passano le storie di coloro che invece non ce l'hanno fatta, passano interrogativi che pesano come macigni, risposte da chiedere al vento o a Dio, se pure lui ancora resiste. La morte chiama morte, irridendo la vita; ma la vita  si attacca a se stessa, tenace, anche quando sembra non ci sia più nulla da fare. E come ci insegna la guerra di Paulinuzzu Millarti, a volte, vince.

Dicono di noi

Lo spettacolo debutta durante il Premio Più a Sud di Tunisi, e viene premiato per la sezione teatro, con particolare riguardo ad "Andrea Puglisi, strepitoso nella sua performance e supportato dalla regia magistrale di Benedetta Nicoletti". Scrive Sergio Taccone, giornalista: "Puglisi (...) alterna il tono drammatico con quello comico senza accusare passaggi a vuoto, con momenti che hanno ricordato la miglior tradizione del teatro di parola. Un testo che offre, soprattutto per i più giovani, la possibilità di conoscere gli aspetti più tragici di quel sonno della ragione, la guerra, che oggi come ieri continua a generare mostri (…)"

Lo spettacolo è una produzione di Fondamenta Teatro e Teatri di Francesco del Monaco e Cristiano Piscitelli, con la Direzione artistica di Giancarlo Sammartano e la Direzione organizzativa di Fulvio Ardone.

Fondamenta Teatro e Teatri  è il progetto di Fondamenta La Scuola dell'Attore che favorisce il naturale passaggio dalla formazione alla professione.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma