Il testo e l'interpretazione di un attualissimo Aldo Nicolaj

Apparentemente una famiglia come tante, in piena crisi anni 70, in attesa di un ospite a loro avviso, altolocato. Un nipote orfano alle prime esperienze del lavoro ereditato dallo zio adottivo, divenuto invalido. Una zia sognatrice, ma determinata, che difente i suoi uomini dalla cattiveria del mondo e dalle pericolose ingenuità di un'ascetica fidanzata. Un vicino ficcanaso che rischia di mettere a repentaglio il succcesso dell'impresa di famiglia. Una donna misteriosa, dimessa e alquanto mediocre, che altalena tra ambiguità e amicizia. Ma poco alla volta un'altra verità prenderà corpo.

Nell'adattamento in scena al Teatro, il testo e l'interpretazione di un attualissimo Nicolaj, forbito e sarcastico, pungente e "colorato" in situazioni e linguaggio vengono rispettate, così come la contestualizzazione stessa. L'ambientazione anni '70 viene conservata, per accogliere le evidenti allusioni a quel repertorio di argomenti e rivendicazioni sociali molto in voga in quel periodo.

La Le Breton aggiunge, inoltre, un tocco grottesco alla miscela.

LA PROVA GENERALE

Regia e adattamento

Ines Le Breton

Con

Elisabetta Quartullo, Umberto Farris, Simonetta Schiena, Maurizio Barbera, Massimo De Lisio, Ines Le Breton


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma