La Compagnia Lafabbrica, il 3 e 4 marzo alle ore 21.00 e il 5 marzo alle ore 18.00, presenta, in forma di studio, al Teatro Biblioteca Quarticciolo, La telefonata di Tiziana Tomasulo (autrice finalista al Premio Hystrio-Scritture di Scena - 2014, finalista al Premio Riccione per il Teatro - 2015 e vincitrice del il Premio del Direttore al Premio Nazionale Giovani Realtà del Teatro - 2016) con Ramona Nardó per la regia di Fabiana Iacozzilli (premi: Le Voci dell'anima; Il palio poetico-musicale Ermocolle; Donna Mostra Donna; Newcontaminate Art Festival; Teatri Abitati; Undergroundzero Festival a New York e il Play Festival nel 2013; 2009 è finalista al Premio Scenario).

Il primo studio su La telefonata (una produzione Lafabbrica in collaborazione con Sycamore T Company, TSI La Fabbrica dell'attore - Teatro Vascello e il Centro Artistico Internazionale Il Girasole con il sostegno di Kollatino Underground, Ass. Ex Lavanderia e Clossa Lab) fa parte di un progetto più ampio che prevede la messa in scena di uno spettacolo tratto dai racconti e dalle drammaturgie di Tiziana Tomasulo dal titolo Da soli non si è cattivi, che debutterà nella sua forma definitiva a maggio 2017 presso il Teatro Vascello di Roma.

I personaggi che descrive l'autrice sono esilaranti nella loro lucida cattiveria e lasciano intravedere quelle pulsioni profonde di cui ogni essere umano si vergogna. Ci si trova dunque di fronte a una donna che dopo la morte di sua figlia chiede insistentemente alla sorella di uccidere la propria per ritornare a essere uguali, a un uomo che decide di uccidere perché non più in grado di trattenere la pipì e, a una coppia che vive la relazione d'amore unicamente per dimostrare all'altro di essere il migliore tra i due.


Ne La telefonata, la protagonista è una donna su un divano. È circondata da semplici oggetti quotidiani: una stufetta, un bollitore, una lampada, degli yogurt… nel silenzio della casa solo i rumori degli oggetti e lei sul divano. Lei che mangia e pensa, sul divano. Lei che, come Amleto, è attanagliata da un dubbio: "chiamo la donna che amo per chiederle di uscire oppure no?". Un'azione apparentemente semplice da fare ma che porterà la nostra eroina a interrogarsi per ore (forse per anni, forse per millenni) sul suo essere o non essere all'altezza di farla, sul suo essere o non essere all'altezza di accettare un semplice "no, grazie. Arrivederci".

di Tiziana Tomasulo
con Ramona Nardó
scene Fiammetta Mandich
effetti speciali Riccardo Morucci
regia Fabiana Iacozzilli
una produzione Lafabbrica in collaborazione con Sycamore T Company, TSI La Fabbrica dell'attore - Teatro Vascello e il Centro Artistico Internazionale Il Girasole con il sostegno di Kollatino Underground, Ass. Ex Lavanderia e Clossa Lab

Informazioni, orari e prezzi

Orario spettacoli:
3 e 4 marzo ore 21.00;
5 marzo ore 18.00

Info e prenotazioni:
Prenotazioni: tel 06 98951725 - 06 0608
Botteghino: feriali ore 18-21.30, festivi ore 16-18.30
promozione@teatrobibliotecaquarticciolo.it

Biglietti
Intero 10 euro
Ridotto 8 euro (over 65, under 24, possessori Bibliocard)

www.teatrobibliotecaquarticciolo.it
www.teatriincomune.roma.it

Dove e quando

Potrebbe interessarti in Spettacoli