L'Italia balla dal 1940 al 2001


Un fortunato format francese di Penchenat con il quale si racconta la storia del nostro paese dall'inizio della seconda guerra mondiale al crollo delle torri gemelle. Due momenti drammatici che segnano l'inizio e la fine di un lungo periodo, narrato abilmente attraverso le più belle canzoni italiane che hanno caratterizzato la vita e il costume della società.

Tutto si svolge in una balera. Un caleidoscopio di accadimenti e curiosità che viviamo attraverso sedici attori, i quali ci accompagnano in un appassionante viaggio nel tempo, scandito dalla musica che si fa drammaturgia.

Un racconto senza parole, affidato alla musica e agli attori, alla forza comunicativa delle azioni, dei gesti e dei suoni. Uno spettacolo elegante, poetico, divertente.

Accompagnato da canzoni importanti e significative, dalla TREMARELLA di Edoardo Vianello, ai RAGAZZI DELLO SHAKE di Gianni Morandi, da L'UOMO PER ME di Mina a I WILL SURVIVE di Gloria Gaynor, da THE WALL dei Pink Floid e SISTER MORFINE dei Rolling Stones, fino a CHE COSA RESTA di Franco Battiato. E ancora da IL TANGO DELLE CAPINERE a T'AMMAZEREI della Carrà, da Celentano a Modugno, passando per Peppino di Capri e Gino Paoli.

LE BAL 

L'ITALIA BALLA DAL 1940 AL 2001 

DA LE BAL, UNA CREAZIONE DEL THÉÂTRE DU CAMPAGNOL 

DA UN'IDEA E NELLA REGIA DI 

JEAN-CLAUDE PENCHENAT 

COREOGRAFIE ILARIA AMALDI

UNO SPETTACOLO DI

GIANCARLO FARES

PRODUZIONE VIOLA PRODUZIONI


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma