Lo spettacolo tratto da un testo ispirato da un fatto di cronaca nera accuduto in Francia

In scena al Teatro Studio Uno dal 17 al 20 gennaio 2019 "Le serve" di Jean Genet, un testo ispirato da un fatto di cronaca nera realmente accaduto nella Francia del 1933, adattato e diretto da Michele Eburnea e Caterina Dazzi con protagonisti Michele Eburnea, Sara Mafodda e Mersila Sokoli.

Lo spettacolo ha vinto il Premio Nazionale delle Arti 2018 – sezione regia.

In un appartamento borghese, le serve Claire e Solange meditano l'assassinio della padrona. Attraverso lettere anonime fanno arrestare l'amante della Signora quando una telefonata avvisa dell'imminente rilascio di lui: la loro congiura rischia di essere smascherata.

L'esistenza delle domestiche – fatta di continui doppi e opposizioni e infinite attese – altro non è che una ramificazione degradata dei gesti e delle parole della donna per la quale sviluppano una morbosa dipendenza. Le due sono intrappolate nella loro emulazione: un cortocircuito grottesco, un gioco esasperato di apparenze e mulinelli le rende schiave del loro stesso rito, rinsecchite, goffe, avvizzite. Sognano la detronizzazione della Signora, in una logica delirante che alterna odio e amore, ripetizione e variazione, in cui gli oggetti invadono lo spazio fino a diventare imprevedibili nemici.

Come ingranaggi di un carillon, il meccanismo si ripete identico, in una sovrapposizione cubista di luoghi del reale e dell'immaginifico, dando vita a infiniti interrogativi.

"Le serve è un inferno a tre, un susseguirsi di gironi, una commistione di linguaggi che toccano diversi stili. La Signora vive sulla scena, attraverso pareti e oggetti.

Il gioco delle tre carte, con lo svelamento di quello che si pensava essere l'asso di cuori, è metafora perfetta della realtà mistificata del testo e di quanto il nulla sia fulcro di questo: il giocatore non perde di vista l'asso di cuori, sa che è la prima carta del terzo mucchietto. La volta: è l'asso di picche. E sente una strana e brutale delusione: crede di aver avuto l'intuizione del niente. Ed è così che il niente diventa un'apparizione, il reale si scioglie. L'apparenza si rivela puro niente e causa di se stessa; l'essere diviene evanescente. 'Traducete nel linguaggio del Male: il Bene non è che illusione; il Male è un Niente che produce se stesso sulle rovine del Bene', scrive Sartre. È questo niente, è il falso che attrae Genet, la bugia che si eleva ad atto poetico".

Di Jean Genet

Adattamento e Regia di Michele Eburnea e Caterina Dazzi

Produzione mat-off

Con Michele Eburnea, Sara Mafodda e Mersila Sokoli

Foto Federica Di Benedetto

Video Riccardo Pompili

Grafica Jacopo Ernesto Gasparrini


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma