Un imperdibile spettacolo ungherese

Lunedì 24 giugno p.v. alle ore 21.00 presso il Chiostro del Museo di Roma in Trastevere andrà in scena Le tre sorelle di A.Cechov, a cura del Teatro ungherese di Beregszász (Ucraina). Regia di Attila Vidnyánszky. In ungherese con sopratitoli in italiano.

La compagnia di Beregszász, nata nel 1993, fa parte della cosiddetta corrente "Teatro Laboratorio", il cui famoso rappresentante italiano è Eugenio Barba. Il lavoro di quest'ultimo ha portato alla luce alcuni importanti teatri laboratori in Italia, tra cui il Teatro Tascabile di Bergamo ed il Teatro Potlach di Fara Sabina – presso i quali è stata appunto invitata la performance di Beregszász, rispettivamente in data 26 giugno e 29 giugno 2019.

La tournée italiana delle Tre sorelle, fiore all'occhiello della compagnia, infatti prevede tre tappe. Attila Vidnyánszky nel 2009 per la regia dello stesso spettacolo ha vinto il prestigioso premio teatrale internazionale Mejerhold Award. La performance precedentemente è stata ospitata sia a Mosca, sia in vari festival stranieri, tra cui il Passages Festival in Francia nel 2011.

Il tempo è uno degli attori principali dell'enigmatico dramma di Cechov. La storia scorre in un flusso lento; i personaggi agiscono in tre periodi differenti: rivivendo la propria l'infanzia, riflettendo sul presente e guardando con speranza verso il futuro. Nell'interpretazione di Attila Vidnyánszky, le "Tre sorelle" è soprattutto il dramma del passaggio tra l'infanzia e l'età adulta. L'uso non convenzionale dello spazio teatrale e degli oggetti scenici, gli attori, che seguono un proprio percorso interpretativo, sempre presenti in scena, consentono agli spettatori di decidere quando e cosa osservare e il destino di quale personaggio seguire.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma