La storia della pulzella d’Orleans

Un viaggio poetico intorno all’amore, al dolore e alla fede di una giovane donna che si distinse per coraggio, forza e passione. E’ la storia di Giovanna D’Arco, in scena dal 28 al 31 maggio, al Teatro Trastevere di Roma. La piece, prodotta da Teatraltro in collaborazione con Etérnit, si intitola “Le voci di Giò”, scritta e diretta da Eduardo Ricciardelli e interpretata da Mariateresa Pascale.

Giovanna sente il peso della vita, più forte del peso della storia che la vede coinvolta come martire e santa. A guidarla sono voci sussurrate da lontano; voci nascoste, provenienti da diverse lingue e culture, che si accavallano nello spazio e nella mente segnando irrimediabilmente il destino che la farà spogliare degli abiti di donna per scegliere la via della guerra e salvare la sua patria.

Il testo di Ricciardelli scava in diverse fonti letterarie, da poesie cinesi del XVI secolo fino a passi tratti da “Nozze di sangue” di Federico Garcia Lorca, che riportano la protagonista in un immaginario fanciullesco, svestendola da ogni interpretazione religiosa e riducendola a metafora di donna forte e combattente.

La prima versione dello spettacolo, che vedeva in scena l'attrice Bianca Ciocca, ha debuttato a Roma nel 2008. Successivamente il lavoro è stato rivisitato e, nella sua veste definitiva, è stato presentato nel 2014 nell'ambito della rassegna EXIT.

In scena al Teatro Trastevere

Le voci di Giò

Di Eduardo Ricciardelli

Con Mariateresa Pascale

La storia della pulzella d’Orleans nel teatro di Eduardo Ricciardelli


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma