Lucia Lavia protagonista del capolavoro di Flaubert, con la regia di Andrea Baracco

Oltraggio alla morale. Appena pubblicato, il romanzo Madame Bovary viene subito messo sotto inchiesta. Troppo reale, quasi tangibile, l'adulterio raccontato da Flaubert; troppo vero il suo personaggio di giovane donna di provincia accerchiato dalla noia.

Ristretta tra le insoddisfazioni, Emma Bovary si macera in un'esistenza senza sussulti, vuota perfino di linguaggi. Nella versione teatrale originale come nel romanzo, le parole sono più efficaci nel mascherare che nel trasmettere la verità: a Madame Bovary non resta che intrecciare un tessuto di bugie con cui ripararsi, come può, dal male di vivere. È una lotta (impari) contro le ristrettezze di una morale che non può e non vuole dire.

Con Lucia Lavia

regia Andrea Baracco


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma