Augias sale sul palco del Teatro Vittoria per raccontare Leopardi

Il 10 e l'11 novembre il Teatro Vittoria di Roma ha l'onore di ospitare la magistrale interpretazione di Corrado Augias, voce narrante in scena accompagnato dalle note di Angelo Generali, che descrive un ritratto sorprendente di Leopardi, oltre al suo rapporto con l'Italia, con la vita e con gli amori.

Per molti anni Giacomo Leopardi è stato solo l'immenso poeta che tutti conosciamo. Solo in tempi relativamente più recenti si è cominciata ad apprezzare anche la sua attività saggistica che, secondo autorevoli giudizi, toccherebbe il livello di una vera organica filosofia. Un esempio di questa iniziale sottovalutazione sta nel fatto che il suo 'Discorso sopra lo stato presente dei costumi degli Italiani' scritto da un Leopardi 26enne nel 1824, sia stato pubblicato solo nel 1905.

Lo stesso Zibaldone di pensieri, opera immane composta tra il 1817 e il 1832, venne pubblicato del resto solo alla fine dell'800 da una commissione di studiosi presieduta da Carducci.

I giudizi che il poeta dà sull'Italia e sugli italiani sono diversi e variano con il passare degli anni. Ma non c'è dubbio che negli anni giovanili e soprattutto in alcune opere si senta forte in lui un vivo amor di patria. Ne sono esempio la due famose composizioni patriottiche 'All'Italia' e 'Per il monumento di Dante'.

Partendo da questi versi ma inserendo anche considerazioni prese dallo Zibaldone e versi estratti da alcuni dei 'Canti' più belli, Corrado Augias ha montato un testo che ci dà un ritratto sorprendente di Giacomo Leopardi, il suo rapporto con l'Italia, con la vita, con gli amori. Il senso forte di un'immaginazione che fu per molti anni la sua sola vera realtà.

voce recitante: Corrado Augias

voce e strumenti: Stefano Albarello

regia: Angelo Generali

produzione: Promo Music


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma