Un thriller, una storia profonda e complessa

Imprigionata in una buia cantina, Laura una psichiatra sui trent'anni guarda con orrore un video dove un uomo confessa di essere un serial killer. L'uomo apparentemente innocuo, è lo stesso che la tiene prigioniera. Ma chi è, in realtà, quest'uomo? Uno psicopatico? Qualcuno che ha a che fare con il passato di Laura? Chi è, e perché la tiene prigioniera? In un clima di tensione crescente inizia la sfida delle "Parole Incatenate".

La posta in gioco è la vita stessa di Laura.
Il gioco comincia… Con la sua perfetta strutturazione, i suoi tocchi di crudeltà e perversione, e il suo convulso susseguirsi di colpi di scena, "Parole incatenate" non è solo un thriller mozzafiato ma una storia profonda e complessa, un duello senza esclusioni di colpi, in cui verità e finzione, desideri e bugie parlano della parte oscura e torbida che è in ciascuno di noi.


Di Gjordi Galceran, con Samantha Michela Capitoni e David Sebasti per la regia di Davide Dapporto.


Hai partecipato? Commenta ()

Novacomitalia Web Agency Roma